Puglia Jazz Factory

APERISTRADA

Cena a menù fisso € 20.00
a cura e presso: Ristorante I Quattro Gigli
info e prenotazioni 0571 466878
www.quattrogigli.it/

Puglia Jazz Factory è un collettivo di musicisti proveniente da una delle regioni più creative d’Italia, la Puglia.
Nato come progetto speciale nel 2011 per una data unica del Roma Jazz Festival, promosso dalla Fondazione Musica per Roma in collaborazione con Puglia Sounds, il collettivo è stato invitato nel marzo 2012 a registrare il disco nell’ambito della rassegna Recording Studio.
È nato così “From the heel”, album pubblicato dall’etichetta discografica Parco della Musica, interamente composto da brani originali scritti dai componenti della band.
L’ensemble riunisce alcune tra le migliori personalità in ambito jazzistico sposando una linea artistica innovativa e ben definita.
Grazie all’unione di personalità ben distinte, il gruppo propone un sound dalle mille sfaccettature alimentato da un background musicale comune che sconfina in sonorità pop e rock. Un vero e proprio collettivo senza leader che propone composizioni originali di tutti i componenti, una nuova scommessa del jazz italiano.

L’album “Fron the heel” è interamente composto da brani originali scritti dai componenti della band. L’apertura è affidata a “2012” di Raffaele Casarano, un brano pieno di energia dalle atmosfere rock. Gaetano Partipilo invece firma il secondo brano “Audio Defragment” e qui il sound si fa più metropolitano con chiari riferimenti post M-base. Fabio Accardi, autore del terzo brano, riporta un clima di distensione con il suo “A/R”, song in 3/4 con un finale in crescendo sorprendente. Il quarto brano è una composizione dalle atmosfere sognanti di Marco Bardoscia intitolata “Peace”. Mirko Signorile è questa volta l’autore di “Nair”, una composizione intensa e lirica che precede “Lee Majors” di Gaetano Partipilo dedicata all’omonimo attore americano. “Replay in Salento” di Casarano ci riporta in un altro luogo. Un posto decisamente rock dove l’elettronica contribuisce a rendere il tutto incandescente. “Winter song” ci riporta ancora in un altro universo sonoro con una ballad light-funk di pregevole fattura. “For a Film”, a firma di Mirko Signorile è il penultimo brano dell’album ed è una composizione, come il titolo stesso suggerisce, decisamente cinematografica. L’album si chiude con “The fish market” di Bardoscia che chiude il disco in bellezza con un brano ispirato dalla cultura folcloristica pugliese. “From the hell” è un piccolo diamante dalle molteplici sfaccettature. Questa volta, dal tacco, arriva decisamente una ventata di aria nuova.

http://www.gaetanopartipilo.com/puglia-jazz-factory/