Stefano Saletti e la Piccola Banda Ikona

Folkpolitik: i canti di libertà del Mediterraneo

Mollare gli ormeggi e partire per un viaggio affascinante accompagnati dal Sabir, l’antica lingua del Mediterraneo. Questo lo spettacolo che propongono Stefano Saletti & la Piccola Banda Ikona in una suggestiva notte mediterranea.
Polistrumentista, già fondatore dei Novalia, profondo conoscitore delle musiche del Mediterraneo, direttore della 7 Sois Orkestra e de Les Voix du 7 Sois (due ensemble musicali internazionali), Saletti è il fondatore della Piccola Banda Ikona, formazione che ha al suo interno prestigiosi musicisti come la cantante Barbara Eramo, il bassista Mario Rivera e il percussionista Leo Cesari.
La Piccola Banda Ikona canta in Sabir, l’antica lingua franca che marinai, pirati, pescatori, commercianti, parlavano nei porti del Mediterraneo: da Genova a Tangeri, da Salonicco a Istanbul, da Marsiglia ad Algeri, da Valencia a Palermo. Saletti ha ripreso questa sorta di esperanto marinaro, formatosi poco a poco con termini presi dallo spagnolo, dall’italiano, dal francese, dall’arabo, e l’ha fatto rivivere scrivendo intensi brani che percorrono le atmosfere sonore della tradizione popolare del Mediterraneo, che va dalle melodie sefardite ai canti del Sud d’Italia, dai temi arabo-andalusi alla polifonia balcanica.
Nel 2012 è uscito l’ultimo lavoro discografico di Saletti e della Piccola Banda Ikona intitolato “Folkpolitik” (per l’etichetta Finisterre), nel quale sono stati riarrangiati brani di autori del Mediterraneo che hanno raccontato in musica la lotta contro il potere, subendo persecuzioni, arresti, violenze.
Una lotta per la libertà che oggi unisce idealmente le due sponde del Mediterraneo: dalla resistenza ai regimi di Spagna, Portogallo, Grecia negli anni ’70, alle nuove battaglie per la libertà nel mondo arabo. Un percorso di conoscenza di autori e di musiche che dimostra ancora una volta la forza della musica popolare come voce del popolo.
“Folkpolitik” ha ottenuto grandi apprezzamenti di pubblico e di critica e da ottobre a dicembre 2012 è stato ai primo posti della classifica europea della world music, la World Music Charts Europe.
Nel 2008 era uscito il Cd “Marea cu sarea”, entrato ai vertici della classifica di Folk Roots, l’autorevole rivista inglese di world music e nella classifica dei migliori dischi del 2008 stilata dalla World Music Charts Europe. Nel 2009 la Piccola Banda Ikona ha ricevuto il prestigioso “Coups de coeur du jury” al Babel Med di Marsiglia per il Cd “Marea cu sarea”.
Il precedente Cd “Stari Most” – pubblicato nel 2005 – era dedicato al Ponte Vecchio di Mostar in Bosnia, fatto crollare nel ’93, che da sempre rappresentava il simbolo dell’incontro e del passaggio dall’Occidente all’Oriente.
La Piccola Banda Ikona in questi anni ha effettuato tour in diversi paesi europei e del Mediterraneo suonando nei principali festival di musica etnica e world e ha effettuato numerose tournée per spettacoli teatrali eseguendo dal vivo musiche originali composte da Saletti.

www.piccolabandaikona.it