Buoni "motivi" per bere Wine Sound Sistem di Donpasta e Candide

Buoni “motivi” per bere Wine Sound Sistem di Donpasta e Candide

A cura di Laura Martini

A cura di Laura Martini Perchè si beve? Si beve per festeggiare, per dimenticare, anche se una volta una bimba assai saggia mi disse “ma tanto poi te lo ricordi lo stesso”, si beve per stare in compagnia, scoprire sapori nuovi e anche per sciogliersi un po’, perchè, come ha sempre sostenuto un amico “l’alcool è un ottimo lubrificante sociale”. Il vino è un piacere a cui non è facile sottrarsi.

E che dire se il buon vino viene accompagnato da altrettanta buona musica? Con una top five dedicata al piacere del succo d’uva fermentato non potevo lasciar passare inosservato dagli scaffali della libreria uno degli scritti di Donpasta, dj e gourmet, dedicato proprio al vino. “Wine sound sistem” non vuole essere una guida ai vini del mondo, e nemmeno alla musica, ma all’abbinamento tra le due cose, sebbene da un diverso e piuttosto personale punto di vista. In queste pagine l’autore, Donpasta, con “la complicità” di Candide, “l’eretico” a cui piace il vino senza però essere un professionista della degustazione, mettono i loro ricordi, i loro gusti e sensazioni di fronte a un gruppo piuttosto ristretto di trenta vini, scelti non sempre per il loro prestigio, ma anche per la loro provenienza, reperibilità e adattabilità alla vita quotidiana. Perchè bere buon vino non deve essere un evento, ma una cosa che può, anzi dovrebbe, capitare tutti i giorni, anche davanti a un piatto di pasta e ceci o a un vassoio di amaretti della mamma.

I due autori, tra conversazioni, viaggi attraverso vigne dove i produttori raccontano la storia della loro terra e delle loro famiglie, e ricette recuperate via telefono dagli amici più cari, ci raccontano la loro passione per il vino, la cucina e la musica, che spesso vanno di pari passo e si completano a vicenda. Per uno champagne da sorseggiare ascoltando Nina Simone, c’è un bianco che accompagna il pesto genovese e le poesie di De Andrè, o un rosso piemontese, la cui nota di rabarbaro ha lo stesso sound dei Sonic Youth. I brani elencati da Donpasta e Candide non sanciscono abbinamenti definitivi, vogliono solo essere un gioco, un divertissement da fare da soli o in compagnia, che sarebbe anche meglio, perchè si sa, “chi non beve in compagnia o è un ladro o una spia…”, un modo piacevole per coltivare la passione per il gusto e la musica. Il libro è solo uno spunto per dare il via alla fantasia e alla degustazione di due mondi fatti di sensazioni volatili, come le note di una canzone o il profumo di un bicchiere di lambrusco, ma che sanno fermare e imprimere nell’animo momenti e impressioni a cui talvolta è difficile dare voce.

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

Questo, a mio parere, non è un libro da leggere tutto d’un fiato, è un libro da spilucchiare, da sorseggiare un po’ alla volta, scorrendo di pagina in pagina. Non c’è una storia da seguire, ma ci sono tanti pensieri e racconti da gustare a piccoli sorsi, con l’orecchio cullato dalla musica giusta.

E’, come molti vini, un libro da meditazione, da tenere sul tavolino per farci una capatina ogni tanto.

Gli autori: Donpasta, Daniele De Michele è un dj ed economista, appassionato di vino e cucina. Già autore di Food sound system (Kowalski, 2006) ha ideato l’omonimo spettacolo multimediale, in tournée in Italia, Francia e Spagna. Vive tra Roma e Toulouse dove ogni anno organizza “Soul Food”, incontro su cibo, arte e sostenibilità ambientale. “In The Food For Love”, spettacolo di cucina e circo contemporaneo è il progetto a cui sta lavorando.

A volte nei panel di degustazione viene inserito un inesperto per confrontare i suoi giudizi con quelli dei professionisti: questa figura è chiamata Candide. L’autore delle note sul vino di questo libro rivela ingenuità, i suoi facili entusiasmi e le altrettanto improvvise delusioni, ma sempre cercando di evitare il linguaggio iperspecialistico che spesso dimentica il piacere del bere.

Il libro:

Titolo: Wine sound Sistem

Autore: Donpasta, Candide

Casa Editrice: Kowalski, 2009

Lunghezza: 224 pagine

Prezzo: 14,00 euro

Guida musicale alla lettura, alcuni dei brani scelti da Donpasta:

Nina Simone, Strange Fruit

Tom Waits, You’re innocent when you dream

Eric Dolphy, Out of lunch

Almamegretta, Sole

Dj Cam, Angel dust

Amy Whinehouse, Back to black

Massive Attack, Live with me

Patty Smith, We three

Bob Dylan, Like a rolling stone

Mardi Gras Brass Band, Kung fu fighting

leggi anche…

Gli Ultimi Articoli

un articolo a caso

  • Magazine10 Maggio 2012
    Come è bella l’indipendenza – Fuoriusciti: Radio Music Society, il nuovo album di Esperanza SpaldingE’ uscito questo marzo l’ultimo album della bassista e cantante americana Esperanza Spalding. Tante le novità da apprezzare ed ascoltare.  A Cura di Francesco Virdis   Sono passati soltanto sei anni dall’inizio della sua carriera e sono già quattro gli album pubblicati, tutti da dieci e lode. Non lascia mai a desiderare Esperanza Spalding, uno dei più prolifici e giovani talenti della scena internazionale. Forte solamente del suo talento e della sua avvenenza non ha nessuna major a coprirle le spalle tant’è che finora ha inciso solo con etichette indipendenti: ha pubblicato l’album d’esordio, Junjo, con la casa barcellonese (ma ben agganciata a Boston e a New York) Ayva Musica, e i successivi tre dischi con la Heads Up International di Cleveland. La contrabbassista di Portland ha lanciato sul mercato Radio Music Society il 20 marzo di quest’anno. Chi l’ha seguita sin’ora si sarà accorto del cambio di rotta che segna questo lavoro. Non sono più il contrabbasso e la cantata ska in stile bossa nova a farla da padroni ma marcatissimi riff di basso elettrico, batteria allegra, sintetizzatori, stili pop funk e fusion. In brani come Endangered Species (eseguito con Lalah Hathaway, figlia del grandissimo soul-man Donny Hathaway) non passano certo inosservati il basso fretless e il buon gusto per l’uso dei sintetizzatori combinati e dosati con una maestria non lontana da quella di Prince o Stevie Wonder. Oltre a quella sopracitata con Lalah Hathaway altre collaborazioni eccellenti presenti nel disco sono quelle con il sassofonista Joe Lovano in Can’t Help It e con Algebra Blessett e Lionell Loueke nell’unico singolo finora estratto, Black Gold. La voglia di ampliare gli orizzonti della sonorità e di mettersi alla prova sono state sicuramente le fonti ispiratrici di questo disco che riesce a mantenere salde le correnti latin-jazz che hanno accompagnato la Spalding in questi anni ma con l’aggiunta di una componente moderna assolutamente predominante che avvolge tutti i dodici brani. Il risultato è una sorta di pop moderno abbastanza orecchiabile ma molto jazzato. Non ci sarebbe dunque da stupirsi se quest’album riuscisse a far avvicinare al jazz anche le orecchie più diffidenti. Il tour è partito il 27 di aprile da Los Angeles ma già il 23 maggio ci sarà la prima data europea a Parigi. Purtroppo non ci sono date italiane anche se la Spalding ci passerà ad un soffio con le tappe dell’ 8 luglio a Vienne (Francia) e del 22 luglio a Lucerna (Svizzera). Queste sono dunque le opzioni più plausibili per chi volesse farsi ammaliare dalla sua voce e incantare dalla sua bellezza. Esperanza Spalding feat. Algebra Blessett & Lionell Loueke – Black Gold [...]

TUTTE LE RUBRICHE

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

news musicastrada