Che Gran Fanfara! – Quelli che la Strada: La Baro Drom Orkestar a Casale Marittimo

Quelli che la Strada: La Baro Drom Orkestar a Casale Marittimo

A cura di Laura Martini

Percorrere le colline della Valdera e della Valdicecina, attraversare campi e superare filari di alberi e di vigne, al buio, in cerca di un paese che sembra non arrivare mai. Poi l’indicazione è quella giusta, la strada sale e finalmente sbuca un borgo illuminato. Segui le note per trovare la piazza, che dopo qualche passo si apre davanti a te con tutta la sua vitalità. Che spettacolo.

Il concerto è già iniziato e la musica si fa sentire eccome. La piazza di Casale Marittimo è piena di gente. Italiani, stranieri, giovani, vecchi e bambini, tutti sono rapiti dalla trascinante musica della Baro Drom Orkestar, un po’ balcanica, un po’ ciociara. E i musicisti sul palco non si risparmiano per niente. Suonano, ballano, saltano, coinvolgono il pubblico e lo fanno partecipare allo spettacolo. Nessuno si trattiene. Che uno sia seduto sulle sedie di fronte al palco o appoggiato alla ringhiera della salita che sovrasta la piazza, come la balconata di un teatro, tutti si lasciano travolgere dal ritmo delle note. Qualcuno del pubblico balla e si diverte con loro, altri si affacciano alle finestre per godersi lo spettacolo.

Il contrabbassista non si ferma un attimo. Danza come se fosse una marionetta tirata da fili invisibili, volteggia tenendo lo strumento come se fosse una ballerina. La fisarmonica suona a più non posso accompagnata da un violino travolgente e dalle percussioni che tengono il tempo e invitano a battere le mani e saltare. Si vede che non solo il pubblico, ma anche loro, lì sul palco, si divertono e suonano con passione.

E se il loro disco, presentato in multilingue con ironia e originalità, si chiama ZU-GA-BE!, che in tedesco, come molti dei turisti presenti sanno, vuol dire “Bis!”, pensi che una ragione ci sarà. I bis non sono uno, non sono due, sono tantissimi, e non ti stanchi mai di ascoltarli, come loro non si stancano di suonare e di ballare. Sono italiani, ma la loro musica viene da ovunque, da regioni vicine e lontane, dall’oriente e dal sud, e mentre suonano ti ci portano in questi posti. Ballando, naturalmente.

Baro Drom Orkestar – Fanfara Ciociara