jethro-tull_musicastrada

Elaborazione progressiva Band a confronto Traffic Family Jethro Tull

Quello che noi chiamiamo progressive rock è in realtà il c.d. Canterbury Sound. Per gli inglesi il progressive rock è invece un genere che nacque dallo smantellamento del beat, dalla nascita della psichedelia e dal revival del blues, del folk, del jazz e della musica classica.

Il progressive attinse da tutte queste fonti e si propose come musica elaborata, sperimentale, improvvisata, connotandosi per la struttura eccentrica e “difficile” dei pezzi e per la centralità dell’arrangiamento con cui si intendeva superare la “facile” musica commerciale. I gruppi furono tantissimi ma i principali furono tre.

Traffic_musicastradaI primi furono i Traffic formati nel 1967 da Steve Winwood (voce, chitarra, tastiere; ex-Spencer Davis Group, autore della celebre Gimme Some Lovin’) con Dave Mason (chitarra), Chris Wood (fiati), Jim Capaldi (batteria, voce). Il I° LP Mr. Fantasy (1967) risentiva della moda psichedelica (Utterly Simple,  Hole In My Shoe) del periodo ma la band dimostrò di saper fondere stili disparati sia tecnicamente che melodicamente: nel folk-honky tonk di Heaven Is In Your Mind, nel raga deviato di Paper Sun, nella classicheggiante No Face No Name No Number e nell’epocale jazz-blues aperto di Dear Mr FantasyQuesta formula venne ripresa nel II° omonimo LP (1968; Feelin’ AlrightPearly Queen40.000 Headmen) e in Last Exit (1969; Medicated Goo). Il gruppo si sciolse e Winwood formò i Blind Faith. Riemersero nel 1970 senza Mason per il leggendario  John Barleycorn Must Die che accentuava la loro propensione jazz (Glad, Empty Pages) o jazz-fusion (Freedom Rider) pur non rinnegando il folk (John Barleycorn). Dopo il live Welcome To The Canteen (1971), i Traffic divennero un gruppo di virtuosi sempre più magniloquenti; si sciolsero nel 1974.

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

family_musicastradaI più originali furono i Family, nati nel 1967 dall’unione di 5 superbi musicisti, il grande shouter Roger Chapman, Charlie Whitney (chitarra), Rob Townsend (batteria), Rick Grech (basso, violino) e Jim King (fiati). Il risultato fu l’amalgama creativo di stili e arrangiamenti su Music In A Doll’s House (1968) che ondeggia fra barocco (The Chase, Mellowing Grey), psichedelia (Never Like This, See Through WindowThe Breeze), soul-rock (Old Songs For New Songs), r’n’b (Hey Mr Policeman) e vaudeville (3xTime). Nel successivo Entertainment (1969) l’abilità sopraffina del gruppo viene filtrata con l’adesione a moduli hard-rock (Weaver’s Answer) e folk deviati (Observations From A HillFrom Past ArchivesProcessions) ponendo in luce le doti ritmiche della band, il registro rabbioso di Chapman e infine coniando una nuova forma di hard-progressive. Persi Grech (unitosi ai Blind Faith; sostituito da John Weider al basso e violino) e King (tossicodipendente; sostituito da Poli Palmer alle tastiere, flauto, vibrafono), il gruppo si trasformò in ensemble più rock in A Song From Me e Anyway (con Part Of The Load) ambedue del 1970. L’arrivo di John Wetton (basso, voce) al posto di Weider rialzò il tasso tecnico del gruppo che infatti in Fearless (1971) osa brani ancora più eterogenei e geniali (Sat’d BarflyIn My Own Time) e orchestrazioni più complesse (Spanish Tide, Take Your PartnersBurning Bridges). Bandstand (1972) si affida maggiormente all’hard rock (BurlesqueTop Of The Hill) e al folk (My Friend The Sun). L’ultimo LP It’s Only Movie (1973) è un ritorno lambiccato alle origini (Check Out, la title-track). I Family furono il gruppo più autenticamente progressivo del periodo; retrospettivamente sono un gradino sopra gli altri.

jethro-tull_musicastradaLa palma della celebrità va tuttavia ai Jethro Tull del vulcanico Ian Anderson (voce, flauto, chitarra). L’album d’esordio This Was (1968) presentava un sound essenzialmente folk ma fortemente contaminato dall’hard-rock (My Sunday FeelingDharma For One), dal jazz (Serenade To A Cuckoo) e dal blues più viscerale (It’s Breaking Me Up). Il II° LP Stand Up (1969; col chitarrista Martin Barre) era ancora più ispirato potendo contare su poderosi hard-rock (A New Day YesterdayBack To The Family), su quadretti psichedelici (Look Into The Sun) e folk (Fat Man), su eccellenti brani jazz (Nothing Is Easy), persino un brano di Bach (Bouree). In Benefit (1970) prevalgono le arie da menestrello medievale (Witch’s Promise) con influenze hard (To Cry You A Song) o psichedeliche (With You There To Help Me). Raggiunsero infine il successo con Aqualung (1971; Locomotive BreathMy God, la title-track) e l’ambiziosa suite concept Thick As A Brick (1972) che imposero quel folk dilatato che divenne poi il loro standard di riferimento e il loro limite.

leggi anche…

Gli Ultimi Articoli

un articolo a caso

  • Magazine10 Giugno 2010
    Pifferi, Muse e Zampogne, ad Arezzo un festival di ricerca dedicato agli strumenti ad anciadi Silvio Trotta Premessa (a cura della Redazione) Abbiamo incontrato Silvio Trotta, carissimo e amico e grande musicista, anzi, “musicante” come lui ama definirsi. Il suo lavoro è doppiamente importante perché Silvio è una di quelle persone che amano veramente la musica. Grazie a lui, anche nel Musicastrada Festival, abbiamo potuto sentire tanti gruppi di provenienza popolare (I Viulan, Riccardo Marasco, Musicanti del Piccolo Borgo…), che lui stesso ci ha consigliato. La sua cultura nel campo della musica folk (soprattutto Italiana) gli ha permesso di creare ed organizzare una rassegna dedicata agli strumenti arcaici e della tradizione popolare. Il Festival si chiama “Pifferi, Musee e Zampogne”, e si tiene nel primo week-end di Dicembre presso il Circolo Aurora ad Arezzo, dove Silvio risiede… Abbiamo chiesto a Silvio di parlarci di questo festival…Raccontare “Pifferi, muse e zampogne” significa per me, che ne sono il direttore artistico da quindici anni, rintracciare il filo conduttore della mia  vita  di musicista anzi di “musicante” come sono solito definirmi. La valenza dinamica di questa definizione nasce dalla consapevolezza di essere soprattutto un musicista in continua ricerca, una  ricerca nata più di trent’anni fa sui contesti agro-pastorali della mia terra, il Molise, e mai conclusa perché sostenuta dalla curiosità e dall’interesse per un mondo lontano che  nutre e stimola ancora interessanti prodotti musicali da conoscere e condividere. Ogni anno  il mio piccolo grande festival ospita, infatti  gruppi eterogenei  di musicisti che  testimoniano la vitalità  di repertori, tecniche e stilemi di quella musica vissuta che caratterizza la  tradizione orale  e non solo, musicisti che creano nell’humus della  tradizione composizioni nuove tracciando fili significativi tra memoria e contemporaneità. La ricerca quindi continua nell’ascolto e nella scoperta di progetti nuovi, di riproposte autentiche, di sperimentazioni anche audaci ma sempre e comunque all’insegna dell’originario. Mi piace pensare a  “Pifferi, muse e zampogne” come ad uno spazio libero dove  il passato e il presente  dialogano grazie alla musica  e dove i protagonisti possano testimoniare i significati e i valori di un’appartenenza che non declina sotto il peso del tempo. Ciò si è realizzato grazie alla partecipazione di grandi artisti tra i quali voglio ricordare  Luigi Lai, Piero Ricci (Ecletnica Pagus), Ettore Losini (I Musetta), Massimo Giuntini, Alberto Massi, musicisti rappresentativi di quei strumenti ad ancia che caratterizzano e identificano la rassegna. Per il decennale del festival ho prodotto il CD “Soffi d’ancia” (RadiciMusic Records) nel quale ho raccolto 21 brani di artisti che hanno partecipato a “Pifferi muse e zampogne” testimoniando così un vasto e variegato panorama di musica tradizionale italiana. Un punto di forza di “Pifferi, muse e zampogne”, è senz’altro l’ascolto dei concerti in acustico; gli antichi strumenti, privi di qualsiasi amplificazione, possono essere goduti nella loro purezza,  in un ambiente quasi “da veglia”, dove lo scambio emotivo tra gli artisti e gli spettatori fluisce in atmosfere naturali. Negli anni   abbiamo ascoltato ance di ogni genere: semplici, doppie, libere e soprattutto “libere” di cambiare. Credo che l’innovazione inserita nella tradizione sia  l’aspetto più interessante evidenziato dai vari artisti negli anni. Il grande lavoro di ricerca nella memoria e di sperimentazione sugli arcaici strumenti che la tradizione affida alle loro mani ha reso possibile quello che giudico un miracolo sonoro: soffi che riempiono sacche, pelli o solo gote e dopo un breve passaggio tra piccole ance ci regalano sempre e comunque un brivido. QUANDO? Arezzo, primo week end di Dicembre DOVE? Circolo ARCI Aurora di Arezzo Info e contatti: mdpb@libero.it – www.musicantidelpiccoloborgo.it Nel video che segue gli ARIONDASSA, che sono stati ospiti all’ultima edizione di Pifferi, Muse e Zampogne [...]

TUTTE LE RUBRICHE

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

news musicastrada