Franco Battiato, il custode della Fortezza Bastiani

Franco_battiato_16_9

Franco Battiato, il custode della Fortezza Bastiani

“In uno spiraglio delle vicine rupi, già ricoperte di buio, dietro una caotica scalinata di creste, a una lontananza incalcolabile, immerso ancora nel rosso del tramonto, come uscito da un incantesimo, Giovanni Drogo vide allora un nudo colle e sul ciglio di esso una striscia regolare e geometrica, di uno speciale colore giallastro: il profilo della Fortezza (…). Drogo la fissava affascinato, si domandava che cosa ci potesse essere di desiderabile in quella solitaria bicocca, quasi inaccessibile, così separata dal mondo. Quali segreti nascondeva?”

La Fortezza. Doveva essere questo, nelle intenzioni dell’autore, il titolo di quello che sarebbe divenuto uno dei romanzi più celebri della letteratura italiana del novecento. Fu l’editore, Leo Longanesi, a convincere Dino Buzzati a cambiarlo, suggerendogli di far scoprire subito al lettore che cosa si vede dai bastioni dell’avamposto in cui prende servizio, carico di speranze e desideroso d’avventura, il giovane tenente Giovanni Drogo: “Il deserto dei tartari”. Eppure, nonostante la scomparsa dell’immediato richiamo dal titolo, nel corso del tempo la Fortezza Bastiani, questo il nome completo della roccaforte eretta per proteggere i confini settentrionali del Regno dalle incursioni dei misteriosi e temibili tartari, ha finito per diventare il più iconico, insieme alla Certosa di Parma di Stendhal, dei luoghi letterari inesistenti, entrando a far parte dell’immaginario di numerosi artisti che ne hanno fatto, ora privilegiando la fisicità narrativa ora il suo significato metaforico, strumento per la loro ispirazione. Tra i molti folgorati sulla via del deserto menzione speciale la merita senza dubbio Franco Battiato, che nel suo album Dieci stratagemmi (2004), dedica un brano – intitolato guarda caso Fortezza Bastiani – al luogo buzzatiano per eccellenza. Come suo costume, tuttavia, il cantautore siciliano, con la complicità del coautore Manlio Sgalambro s’appropria di un titolo, e di un’opera, altrui per farli propri e, come era già successo con il Re del Mondo di René Guénon, reinterpreta e ridefinisce la valenza simbolica del non-luogo immaginato dall’autore del romanzo, eleggendolo a scenografia delle sue riflessioni sulla difficile arte dell’esistenza, e sui modi, o appunto gli stratagemmi, per praticarla e per sopravviverle.

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

Se, infatti, per lo scrittore bellunese la fortezza, in cui il suo protagonista sceglie e al contempo è costretto a vivere, è il teatro ideale per mettere in scena uno stallo esistenziale scandito dai ritmi ordinati e inesorabili della vita militare e indotto dalla costante attesa per qualcosa di straordinario che pare sempre sul punto di accadere senza mai farlo – lo stesso Buzzati rivelò come l’idea per il romanzo derivasse dalla monotona vita da redattore del Corriere della sera, imprigionata in anni di routine dal sogno di un grande scoop in grado di sparigliare le carte –, per Battiato e Sgalambro diventa invece una roccaforte dell’abisso umano da mantenere inespugnata (“Resisterà alla dolci lusinghe la Fortezza Bastiani? Bugiardi imbonitori l’assediano, con violenze degne di Tamerlano”), così da proteggere un equilibrio interiore finalmente raggiunto attraverso l’emancipazione da quella “ossessione dell’io” che tiene immobili nei limiti, e la requie infine trovata, seduto su una panchina in “un magico pomeriggio dai riflessi d’oro”, dalla fatica di una vita spesa per troppo tempo “girando a vuoto, senza nessuna direzione”. La Fortezza Bastiani cantata ed evocata dal Maestro pare insomma essere un privato e personalissimo luogo dell’anima che, una volta raggiunto, magari dopo aver imparato ad “attraversare il mare per ingannare il cielo”, come recita il sottotitolo dell’album, va difeso e preservato a ogni costo, perché la vita sognata non si compie e realizza solo all’infuriare della battaglia, come pare invece suggerire Buzzati, ma perché, al contrario, è proprio nella quiete di un luogo isolato, deserto e forse circondato dai giardini della preesistenza, che si può resistere: andando incontro al piacere, ascoltando il respiro e trattenendo il calore, fino a far planare il proprio pensiero “su un’altra forma d’onda”.

leggi anche…

Gli Ultimi Articoli

un articolo a caso

  • Magazine2 Luglio 2020
    L’Anima lattina dell’indie pop – Sui giovani d’oggi ci scatarro su?L’Anima lattina dell’indie pop – Sui giovani d’oggi ci scatarro su? 2 Lug 2020 RUBRICA li avete sentiti questi  A cura di Milena Gaglioti Barba e cappellino hipster lui, Fausto Zanardelli, capelli cortissimi biondo platino lei, Francesca Mesiano. Lui, Lama, si era già fatto conoscere, con scarso successo, con il nome di Edipo. Lei, California, suonava musica techno e drum’n’bass ai rave party. Il loro incontro, quando ancora lavorano come commessi (come gli errori), ha dato vita ai Coma_Cose, col trattino basso. Sostieni WEZ - Dona con PayPal - Clicca qui Venuti fuori in sordina con la pubblicazione di una serie di video stilosissimi su You Tube (Cannibalsimo, Golgota, Deserto, Jugoslavia) tra febbraio e giugno 2017, cui ha fatto seguito un un mini EP dal titolo “Inverno ticinese”, loro disco d’esordio, sono arrivati velocemente sui palchi dei più importanti festival italiani. I primi concerti li vedevano con una formazione ridotta all’osso (oltre a loro, il batterista) e una scaletta limitata, arricchita di bis e qualche cover, ma comunque coinvolgente, che li ha portati in giro per un bel po’, ancora prima di pubblicare il loro primo e unico album, Hype Aura (leggi “Hai paura”). L’ultimo tour, invece, più pensato e più strutturato e con qualche ulteriore musicista, ha dimostrato tutto il successo e il seguito che hanno ottenuto, ma senza togliere niente all’autenticità che li contraddistingue. Coppia sul palco e nella vita, i Coma_Cose sono il concentrato di due anime, una più sognante che prende corpo con la voce dolce di California, l’altra più cruda, messa in strofa da Lama (la strada è solo una riga di matita che trucca gli occhi alla pianura. Percorrerla tutta per andare lontano e fammi fare i soldi come i rapperche poi dividiamo). Giochi di parole, rime argute, figure retoriche a iosa e una moltitudine di riferimenti al mondo del cinema, dei fumetti, dell’arte che denotano un’ammirevole cultura e un marcato rimando al cantautorato degli anni ‘70 di Battisti, De Gregori, Guccini e Battiato, il tutto servito su basi fatte di hip hop ed elettronica che creano un groove molto metropolitano. Iscriviti alla newsletter di Musicastrada La maggior parte dei loro testi, infatti, ha come sfondo la Milano underground, la Milano multietnica del quartiere popolare, la Milano desolata dei capannoni industriali (con in sottofondo solo il ventolone della Pam), la Milano vivace dei Navigli. Una città apparentemente algida e frenetica da cui loro riescono a tirare fuori la poesia e metterla in musica, raccontando l’amore, la rabbia, il disagio e l’attualità. A marzo è uscito un altro mini EP “Due”, che contiene i brani Rabbia e Guerra Fredda, “due canzoni scritte di pancia, due riflessioni sulla condizione umana, due temi, la rabbia e la solitudine” (Le nostre guerre fredde, riscaldate al microonde, per non morire di fame). Originali e mai banali, i Coma_Cose sono una boccata d’ossigeno nell’attuale scena musicale italiana che boccheggia e abbonda di trap. leggi anche… Lucio il marinaioMagazineSecondo singolo per i Death of a Legend: Beyond ThunderdomeMagazineLa Top Five per festeggiare in solitudine…MagazineL’AMORE PER LA MUSICAMagazine Go back to WEZ!!! Gli Ultimi Articoli Francesco De Gregori, il Principe sopra le nuvole. Lucio il marinaio Il “cammino” inesorabile dei The Black Keys Garrincha intervista David Bromberg per WEZ Gli Avengers di Perugia! LIZI AND THE KIDS Go Hard Or Go Home Paolo Conte e Jeeves, incontro tra due dandy La muta dei Reese…questo il nuovo singolo: Mirror of Weakness Secondo singolo per i Death of a Legend: Beyond Thunderdome MALJE “Jewels” UNA MERAVIGLIOSA VOCE IN EQUILIBRIO FRA VARI STILI Tonno, normalità in controtendenza: intervista semiseria alla band emergente di Firenze Sostieni WEZ - Dona con PayPal - Clicca qui un articolo a caso Magazine29 Gennaio 2015Templi Underground – I Club di musica elettronica in EuropaTempli Underground – I Club di musica elettronica in Europa 29 Gen 2015 RUBRICA A cura di Musicastrada Berlino e Londra hanno fatto da culla al movimento della musica elettronica e hanno contribuito in maniera sostanziale alla diffusione in tutta Europa di questo genere. Dai club storici come Berghain, Fabrik e Watergate di Berlino ha preso forma un’articolata cultura musicale underground che anima le notti delle principali capitali europee. Polo d’attrazione della scena musicale electro-swing inglese, le serate White Mink di Londra, Birghton, Bath e Bristol offrono intrattenimento con i migliori dj sets dello scenario internazionale. Non si assiste solo a musica elettronica ad alto volume fino al mattino, ma anche a spettacoli di danza e performance artistiche che vanno dal cabaret al burlesque. Sostieni WEZ - Dona con PayPal - Clicca qui Foto: flick: io_analoger Famoso proprio per il burlesque è anche l’Apolo club di Barcellona, che ripropone i migliori spettacoli a livello spagnolo del genere durante le serate intitolate “crappy tuesday”. Il lunedì, invece, è dedicato agli appassionati di musica indie, rock e garage. Il Fuse e il Recyclart di Bruxelles sono tra i locali più amati e frequentati nel panorama belga.Il Fuse dal 1994 intrattiene, infatti, il popolo della notte nelle sue due piste, una dedicata ai prestigiosi Dj-sets dell’ambiente techno e l’altra dedicata alle sperimentazioni musicali più innovative. Fiorente e sempre più popolare è, inoltre, lo scenario elettronico di Praga: il Cross Club è un originale e stravagante locale della capitale della Repubblica Ceca, qui si tengono concerti, mostre, serate dedicate alla lettura di poesie e di musica Rockabilly.Il Roxy, invece, punta maggiormente su un pubblico notturno amante dell’Hardcore e della pura elettronica. Il Berghain di Berlino assieme al Watergate sono considerati fra i club più esclusivi della Germania e d’Europa, poiché la selezione all’ingresso è rigidissima e spesso occorre fare lunghe file per poter accedervi. Vale, tuttavia, la pena correre il rischio di essere respinti all’ingresso, la lunga attesa viene ripagata dall’acustica spettacolare di questo locale, dallo scenario suggestivo e dalla qualità ineguagliabile della musica e dei migliori Dj che animano la notte berlinese. Iscriviti alla newsletter di Musicastrada E’ opportuno ricordare che al Barghain non è possibile utilizzare i telefoni cellulari e della stessa politica è anche il Concrete di Parigi, peculiare locale ricavato dallo scafo di una barca, all’interno del quale il weekend si tinge di rave music fino al lunedì mattina. La scena parigina è ricchissima e variegata, assieme al Concrete, tra i club più esclusivi d’ambiente è possibile incontrare Le Badaboum, Yoyo e lo storico LeRex, ricavato dal seminterrato del cinema storico Grand Rex, uno dei migliori club della scena musicale rock negli anni 80, oggi convertitosi nel punto di riferimento per eccellenza della musica techno parigina. Per quanto riguarda il panorama italiano, Le Cannibale, serata milanese presso il Tunnel Club, costituisce uno degli eventi techno più ricercati della penisola dal 2001.Le sonorità delle notti targate Le Cannibale spaziano dalla disco alla new wave, dalla house alla techno, facendone uno degli ambienti notturni musicalmente più versatili d’Europa. Data la sua fama e la massiva partecipazione dei “clubbers”, è consigliabile prenotare i biglietti d’ingresso anticipatamente, in quanto il locale ha una capienza ridotta rispetto alla sempre crescente affluenza. leggi anche… L’Officina dell’heavy metal Italiano – Li avete sentiti questi?: La Strana OfficinaMagazineLa Top Five ContagiosaMagazineDiscomunism OK il pezzo è giusto Hammer & Sickle dei Neon NeonMagazineIL BEFOLKO Riesta N’Atu PpocoMagazine Go back to WEZ!!! Gli Ultimi Articoli Francesco De Gregori, il Principe sopra le nuvole. Lucio il marinaio Il “cammino” inesorabile dei The Black Keys Garrincha intervista David Bromberg per WEZ Gli Avengers di Perugia! LIZI AND THE KIDS Go Hard Or Go Home Paolo Conte e Jeeves, incontro tra due dandy La muta dei Reese…questo il nuovo singolo: Mirror of Weakness Secondo singolo per i Death of a Legend: Beyond Thunderdome MALJE “Jewels” UNA MERAVIGLIOSA VOCE IN EQUILIBRIO FRA VARI STILI Tonno, normalità in controtendenza: intervista semiseria alla band emergente di Firenze Sostieni WEZ - Dona con PayPal - Clicca qui un articolo a caso Magazine2 Maggio 2012Anatomia del Power Trio – Band a confronto: Cream – ELP – Tangerine DreamBand a confronto: Cream – ELP – Tangerine Dream A cura di Alfredo Cristallo Per power trio s’intende normalmente un gruppo formato da basso, batteria e chitarra. Questa formazione s’impose nel rock alla fine degli anni ’60, quando i gruppi rock abbandonano la canzonetta (la cui struttura era strofa-ritornello-strofa-assolo-strofa-ritornello) passando a composizioni più e maggiormente improvvisate in cui il ruolo centrale era affidato al solista del gruppo e la sezione ritmica teneva il tema principale del pezzo. Probabilmente il primo power trio furono i Cream. In retrospettiva ciò non è sorprendente: i Cream di fatto reinventarono il rock britannico che era inchiodato alle canzoncine pop dei Beatles, creando un nuovo genere musicale (il blues revival) caratterizzato da lunghe jam elettriche che superavano i canonici tre minuti e favorivano la libertà espressiva dei musicisti. Non solo: furono anche il primo vero supergruppo. Tutti e 3 avevano solide credenziali blues: Eric Clapton (chitarra, voce) proveniva dai Yardbirds e dai Bluesbreakers di John Mayall, Ginger Baker (batteria) aveva suonato con Fela Kuti, Alexis Korner e nella Graham Bond Organization dove incontrò Jack Bruce (voce, basso) poi passato nei Manfred Mann. Ognuno di loro sarebbe stato un leader in qualsiasi altro gruppo: insieme misero a frutto le precedenti esperienze e in soli 2 anni vendettero 15 milioni di album (molto più dei Beatles nello stesso periodo). Due gli album fondamentali: “Disraeli gears” (1967, con la mitica “Sunshine Of Your Love”) che impose Bruce come abile compositore e grintoso bassista, e il doppio “Wheels Of Fire” (1968) che mostrò lo zenith e il tallone d’Achille del gruppo: accanto a classici come “White Room” e “Politician” c’è la metà live che è una magica testimonianza dei loro storici e infuocati concerti ma anche il segnale che i 3 stavano ormai cominciando a suonare ognuno per conto suo minando inesorabilmente la coesione del gruppo. Il tecnicismo e l’ambizione avevano preso la mano ai musicisti. Al polo opposto dei Cream ci sono gli Emerson-Lake-Palmer. Qui infatti le gerarchie interne sono stabilite rigidamente fin dall’inizio: il dominus del gruppo è Keith Emerson le cui tastiere sostituivano il ruolo della chitarra. Emerson aveva già sperimentato la stessa formula strumentale nei Nice, che erano stati l’occasione per sfoggiare il proprio virtuosismo strumentale, per lanciare il classic-rock e per sviluppare il suo stile oltraggioso dal vivo (fino a prendere a coltellate il moog), ma la mediocrità degli altri aveva tarpato le ali al progetto. Greg Lake (voce, basso, chitarra) che proveniva dai primi King Crimson e Carl Palmer già negli Atomic Rooster, promettevano futuri più ambiziosi all’istrionico tastierista che infatti su quel supergruppo ci costruì una carriera ben più lunga e fortunata delle reali capacità della band. E’ significativo come del primo LP “ELP” ci si ricordi più dell’umile e acustica “Lucky Man” di Lake che delle magniloquenti “The Barbarians” e “Knife Edge” di Emerson. Al tempo degli LP del 1971 “Tarkus” e “Pictures At An Exhibition”, gli ELP erano già un gruppo sopravvissuto a sé stesso… Rispetto a Cream e ELP, i Tangerine Dream hanno un milieu del tutto diverso. La differenza più rilevante sta nel fatto che i membri del gruppo, Edgar Froese, Chris Franke e Peter Baumann suonano esclusivamente tastiere e synth. Benché forse meno conosciuti di Cream e ELP, in realtà l’importanza dei Tangerine Dream per la nascita e lo sviluppo della musica elettronica è incalcolabile; sia i loro album più sperimentali (“Alpha Centauri”, “Zeit”, “Atem”), sia quelli più commerciali (“Phaedra”, “Rubycon”) sono altrettante pietre miliari del cosiddetto kosmische rock. La loro musica che si avvale di tecniche d’avanguardia, come di pattern jazz e acid-rock è atmosferica e siderale, una sorta di sinfonia fantascientifica intrisa di profonda religiosità. La dimensione “totale” e “liquida” dei loro lunghissimi pezzi (tutti oltre i 15 minuti) stravolge del tutto la struttura del trio: l’impressione è che a suonare non ci siano 3 persone ma una sola con 6 mani. I Tangerine hanno così distrutto il concetto di gruppo (non solo di trio), ma forse anche per questo si sono assicurati una considerevole ampiezza espressiva e una maggiore longevità artistica. [...] TUTTE LE RUBRICHE TOP FIVE | LETTERATURA IN MUSICA | STORIE DI MUSICI E MUSICA | VIA COL VENTO | OK IL PEZZO E’ GIUSTO | LI AVETE SENTITI QUESTI | BAND A CONFRONTO | LE PEGGIORI MAI SENTITE | PENSIERI IN MUSICA | CONSIGLI PER L’ASCOLTO | SARANNO FAMOSI? | LA PAROLA AI MUSICISTI | IO C’ERO | IO CI SARO’ | IL DIARIO DI MUSICASTRADA | DISCOVERY | FUORIUSCITI | LIFE ON MARRS | MIGLIORARE SUL LUNGO PERIODO | LO SAPEVATE? | DIETRO LE QUINTE CON ascolta Un assaggio dalla selezione settimanale di Gianluca De Vito Franceschi Messages From The Resonator by Globular & Geoglyph Iscriviti alla newsletter di Musicastrada news musicastrada “Yemule Muladdiwen” fuori il secondo singolo dei Fanfara Station Musicastrada Gospel Festival 2021: il 20 e 21 dicembre il Gospel arriva nei borghi toscani Musicastrada al Womex dal 23 al 31 Ottobre 2021 a Porto Portogallo E’uscito “NAGRAN” nuovo singolo dei Fanfara Station Musicastrada Festival 2021 dal 14 Luglio all’8 Agosto in Toscana In arrivo WEZ la webzine di musicastrada musica pensieri parole in libertà! SuRealistas e Baro Drom Orkestar al “GO ON! Giotto Jazz Festival & Etnica” Fanfara Station Official Showcase Artist @ Womex Digital Edition 2020 Healthy Weight loss E’ uscito RITMO ANIMAL il terzo disco dei SuRealistas Musicastrada Festival nella prima rete italiana di Dolce Vita Festival che puoi sostenere con l’ART BONUS Fotografando la Musica 2019 | XVI anno | I vincitori e i partecipanti Musicastrada al Ment di Ljubljana dal 5 al 7 febbraio 2020 SuRealistas showcase ufficiale Pin Music Conference & Showcase a Skopje Musicastrada al Linecheck 19 > 24 Novembre 2019 Milano [...] TUTTE LE RUBRICHE TOP FIVE | LETTERATURA IN MUSICA | STORIE DI MUSICI E MUSICA | VIA COL VENTO | OK IL PEZZO E’ GIUSTO | LI AVETE SENTITI QUESTI | BAND A CONFRONTO | LE PEGGIORI MAI SENTITE | PENSIERI IN MUSICA | CONSIGLI PER L’ASCOLTO | SARANNO FAMOSI? | LA PAROLA AI MUSICISTI | IO C’ERO | IO CI SARO’ | IL DIARIO DI MUSICASTRADA | DISCOVERY | FUORIUSCITI | LIFE ON MARRS | MIGLIORARE SUL LUNGO PERIODO | LO SAPEVATE? | DIETRO LE QUINTE CON ascolta Un assaggio dalla selezione settimanale di Gianluca De Vito Franceschi Messages From The Resonator by Globular & Geoglyph Iscriviti alla newsletter di Musicastrada news musicastrada “Yemule Muladdiwen” fuori il secondo singolo dei Fanfara Station Musicastrada Gospel Festival 2021: il 20 e 21 dicembre il Gospel arriva nei borghi toscani Musicastrada al Womex dal 23 al 31 Ottobre 2021 a Porto Portogallo E’uscito “NAGRAN” nuovo singolo dei Fanfara Station Musicastrada Festival 2021 dal 14 Luglio all’8 Agosto in Toscana In arrivo WEZ la webzine di musicastrada musica pensieri parole in libertà! SuRealistas e Baro Drom Orkestar al “GO ON! Giotto Jazz Festival & Etnica” Fanfara Station Official Showcase Artist @ Womex Digital Edition 2020 Healthy Weight loss E’ uscito RITMO ANIMAL il terzo disco dei SuRealistas Musicastrada Festival nella prima rete italiana di Dolce Vita Festival che puoi sostenere con l’ART BONUS Fotografando la Musica 2019 | XVI anno | I vincitori e i partecipanti Musicastrada al Ment di Ljubljana dal 5 al 7 febbraio 2020 SuRealistas showcase ufficiale Pin Music Conference & Showcase a Skopje Musicastrada al Linecheck 19 > 24 Novembre 2019 Milano [...]

TUTTE LE RUBRICHE

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

news musicastrada