Franco Sbiadito. Il video di Centro di Gravità Permanente

Franco Sbiadito. Il video di Centro di Gravità Permanente

Chi, nella vita, non si è mai imbattuto in un video clip musicale davvero trash che, invece di valorizzare una canzone, finiva con l’oscurarla o, peggio ancora, renderla odiosa? Con la nuova rubrica “La peggiore musica che avete mai visto” diamo sfogo a tutti coloro che, certa musica, non la possono proprio guardare. La nostra prima visione è “Centro di gravità permanente” commentato da Gabriella Lucci.

Più o meno al centro di un set tristemente illuminato, l’ironico e sbiadito Franco Battiato degli esordi ondeggia a tempo di musica accerchiato da cinque pimpanti sagome ingessate.

Un video clip che, Dio non voglia fosse mancato l’audio, avrebbe scoraggiato all’acquisto dell’album persino chi riesce a trovare del buono nel surriscaldamento del pianeta. Eppure, che se ne voglia dire, con Centro di gravità permanente il cantautore siciliano ha estratto il biglietto vincente alla lotteria della popolarità.

Dobbiamo anche riconoscere che le tecniche di montaggio video degli anni ’80 non davano certo libero sfogo alla fantasia. Nonostante ciò, il dubbio che la sola tecnologia avrebbe potuto risollevare le sorti di un video clip costruito alternando paralisi parziali, languide coreografie, rallenty epilettici e frenetici twist, resta comunque vivo.

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

Oltretutto anche i più nostalgici, quelli che neppure si sognano di rinunciare alla comodità e allo stile della vita alta, dovranno ammettere che, prima di vedere i pantaloni di Battiato, non aveva mai considerato l’idea di utilizzarli come reggipetto.

In fin dei conti però, quello che conta è l’insieme delle parti. Video e testo infatti perseguono l’obiettivo comune di evidenziare, sarcasticamente, la crescita di una nuova inverosimile tendenza: la marea del conformismo.

leggi anche…

Gli Ultimi Articoli

un articolo a caso

  • Magazine10 Settembre 2012
    Wir sind die Turken von Morgen She Past AwayLi avete sentiti questi? She Past Away A cura di Pietro Marfi Mi sono perso a Istanbul, cantavano i CCCP. Prima di incontrare il creatore, ci sono due luoghi dove voglio assolutamente perdermi: l’Islanda (dove penso di restare per sempre) e Istanbul. Non perdersi in questa città, non restare incantati dalla sua fascinazione è praticamente impossibile. Istanbul è uno stargate culturale fra occidente e oriente, simbolo delle contraddizioni che fioriscono là dove i cambiamenti sono profondi. Una città capace di fagocitare Pippa Bacca e conteporanemente regalare all’umanità Orhan Pamuk e accogliere moderne strutture di stampo occidentale. È in questo clima che nel 2006 si formano i She Past Away, duo composto da Volkan Caner (vocal/guitar) e Idris Akbulut (bass) ai quali nei gig live si unisce Doruk Ozturkcan (electronic drums). Dopo svariati concerti in giro per la Turchia e un EP (Kasvetli Kutlama, 2010), nel marzo di quest’anno è arrivato l’album di debutto Belirdi Gece (tdr. Apparso nella Notte) su Remoov Records.  Il loro suono è fra la cold wave e il gothic industrial, scelta atipica e coraggiosa per un gruppo turco (prima di loro solo i conterranei Neoplast avevano abbracciato una scelta simile). La voce cavernosa distesa sulle textures oniriche e paranoiche di basso e drums richiama accostamenti a gruppi come Sisters of Mercy, Clan of Xymox e Fields of the Nephilim. Dal vivo l’esibizione della band è accompagnata dalle proiezioni create dall’artista/fotografo Asli Narin. In Italia non si sono ancora esibiti ma vista l’hype che stanno suscitando e l’interesse sempre vivo per queste sonorità, presto arriveranno. Belirdi Gece è un album cantato in turco, forse un po’ retorico nelle sonorità ma compatto e che merita di essere ascoltato. Evoca atmosfere torbide e millenarie, di sentieri che si perdono negli anfratti oscuri dell’anima, toccando i gangli  sensibili dello spirito. Perchè il buio non si vede: si sente. She Past Away – Kasvetli Kutlama [...]

TUTTE LE RUBRICHE

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

news musicastrada