Il “cammino” inesorabile dei The Black Keys