emma_morton_21.97orgahviq880c444s80080oc.51rrei5tyiskss0k4w8ck0go4.th

Il concerto “diVino” – Io c’ero: il concerto di Emma Morton a Borgo a Mozzano

RUBRICA

A cura di Carlo Fusi

Il vino, una pozione magica che ti connette con gli Dei. La voce, lo strumento di comunicazione più antico e moderno di sempre. Insieme, un mix splendido che ti porta a viaggiare mentalmente, nel colore, nell’ombra, nel suono, nel ritmo, nell’arte, regalandoti sensazioni ed emozioni che ti fanno sentire completo nel tuo essere.

emma e lucaNell’atmosfera essenziale di Borgo di Vino, manifestazione annuale che si tiene a Borgo a Mozzano (LU),  Emma Morton ed il suo compagno Luca Giovacchini (uno dei più talentuosi chitarristi italiani) si alternano per creare le geometrie vocali e strumentali che caratterizzano la scrittura musicale prima di subire il classico processo di trasformazione digitale. Emma gioca ottimamente con la dinamica, regalando attimi di profonda intensità. Una voce splendida, profonda, grigio scuro sulle frequenze medio-basse, chiara e piena sulle alte, brillante. La ritmica vocale sfiora la perfezione, riuscendo a muoversi egregiamente e creando un qualche cosa di unico e diverso nelle classiche cover. Uno stile vocale che spazia tra il blues, il jazz, il soul. In alcuni momenti puoi sentire Billie Holiday, in altri Amy Winehouse, in altri Adele. Un’artista completa e valida sotto tutti i punti di vista, interessante e mai banale che ha creato una sua arte musicale e un personaggio da proporre al mondo. Un look misterioso ed accattivante, una fisicità in simbiosi perfetta con la musica, una voce che ti entra nella testa ed arriva dritta al cuore. Una cantante da seguire nel suo percorso musicale, che spero ci regalerà grandi soddisfazioni.

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

“Fool4U”, scritto e composto da Emma, è una canzone struggente che mette al centro della vita la pienezza dell’amore di una madre verso sua figlia. A mio parere la versione studio non è minimamente paragonabile alla versione live, un arrangiamento misto vintage/elettronico di poco gusto che non risalta la bellezza primaria del pezzo. Io avrei optato per una versione piano, voce, archi, qualche intervento minimo di batteria, una linea semplice ma incisiva di basso, una chitarra acustica con una sonorità brillante, sapientemente arrangiata con la linea di piano. Sarebbe stato perfetto. Peccato!

Emma chiude il concerto con “Moondance”, uno standard jazz che sarei stato curioso di sentire con qualche cosa di più a livello di improvvisazione vocale, uno “scat” che poteva esaltare la sua esibizione e aggiungere valore alla sua interpretazione, personalissima, del pezzo.
Purtroppo siamo in Italia e certi generi o stili musicali (vuoi per la cultura, vuoi per la lingua), non vengono capiti ed apprezzati pienamente. Difficile trovare un ventenne che conosca Billie Holiday; difficile trovare ventenni che conoscano il Blues. Penso e spero che Emma Morton sia pienamente consapevole di questo, e che la sua sia stata una scelta dettata dal suo essere e non da “broker” o “ragionieri” della musica.

Con Effetto, Cinismo ed Ironia.
Carlo Fusi

leggi anche…

Gli Ultimi Articoli

un articolo a caso

  • Magazine26 Settembre 2012
    La Malia delle Note Selvagge Into the Wild OST di Eddie VedderConsigli per l’ascolto: Into the Wild OST di Eddie Vedder A cura di Roberto Italiani C ‘è stato un ragazzo che dopo essersi laureato abbandona le comodità di una vita civile e borghese per dedicarsi alla ricerca della felicità e della bellezza interiore. Lascia tutto: quel destino ormai segnato da una vita “civile” che porta alla tristezza inevitabile, ad una infelicità senza via di uscite, ad una rassegnazione, come quella che hanno, appunto, i suoi genitori. Questa è la storia vera del viaggio “on the road” verso l’Alaska di Chris Mccandless, interpretata dalla meravigliosa Hemile Hirsch. Il tutto diretto dalla superba mano di Sean Penn. Ad accompagnare il viaggio di Hirsh (McCandless) c’è un ispirato Eddie Vedder che con la sua poesia sembra quasi calarsi nei panni del protagonista (che conobbe realmente dopo essere stato abbandonato da bambino) in questa tormentata ricerca della felicità che ci è negata da questa società che ci impone ritmi frenetici e falsi obiettivi che finiscono con l’eclissare le cose davvero importanti della vita. Per questo capolavoro Vedder non poteva che essere persona più indicata e infatti ne è scaturito in disco introspettivo e molto intenso. Il cd (in To the Wild o.s.t) contiene 11 tracce ma ognuna di essa racconta una storia a parte ma tutto legato da questo senso di nostalgia, tormento, inquietudine che si porta dietro il protagonista. Per chi poi ha visto il film ogni canzone richiama ad un episodio in particolare e nonostante sia una colonna sonora queste 11 tracce sono vere e proprie canzoni. Vedder mette da parte il grunge per cimentarsi nel folk alla Springsteen, quando è forte, ed alla Neil Young, quando è melodico. Inizia il viaggio appunto  con la melodica “Setting forth” e le seguenti “Far behind” e “ Rise” (fatta interamente con il banjo) bastano da sole a portare nella mente immagini di praterie sconfinate e contatto vero con la natura, e perché no, il solo “viaggiare” senza meta. Il resto dei pezzi hanno un tiro più intimista e crepuscolare; in effetti siamo a metà del viaggio, come il singolo ”Society” che appunto sembra gridare al mondo i pensieri del protagonista “Society, you’re a crazy breed/ Hope you’re not lonely, without me” . Il disco si chiude con la più rilassata e interessante dal punto di vista musicale “Guaranteed”, invece a chiudere il film è la mia preferita “Hard Sun”, una ballad che ricorda vagamente dli ultimi lavori dei Pearl jam, che si apre con la chitarra acustica e finisce in una esplosione corale molto evocativa e soprattutto molto toccante. Che dire, se questo album fosse uscito non come colonna sonora sarebbe stato un album “di secondo piano” nella mia discoteca, ma il fatto di essere inserito in quel capolavoro che è l’opera di Penn lo rivaluta tantissimo, ed è indispensabile per tutti gli adepti di Into the Wild. “Happiness is only real when it’s shared” Eddie Vedder – Hard Sun [...]

TUTTE LE RUBRICHE

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

news musicastrada