JURI CAMISASCA La Finestra Dentro

1024px-Juri_Camisasca_2018_16_9

JURI CAMISASCA La Finestra Dentro

Il rock italiano deve molto a Franco Battiato. Gli deve molto per i suoi esordi di musicista sperimentale nel periodo 1972-75 (da Fetus a Clic), di divulgatore della musica contemporanea d’avanguardia nel periodo 1975-78 (da M.lle Le Gladiateur a L’Egitto Prima Delle Sabbie) con i suoi ripetuti riferimenti alle opere di Stockhausen, Cage e Varese, dalla svolta pop wave del 1979 (a partire da L’Era Del Cinghiale Bianco) che s’inseriva nel filone della new wave italiana fino alla svolta mistico spirituale degli anni Novanta.

In questa sede tuttavia va ricordata la sua attività di produttore e talent scout della Bla Bla Records con una serie di produzione definite “commercialmente impossibili” alcune delle quali rimangono fra le migliori apparse nel “paese del sole e del mare”. Una di queste è la scoperta di Juri Camisasca. Battiato e Camisasca si conobbero durante il periodo di naja e Battiato rimase estremamente colpito dalla voce di Camisasca allora ancora legata alla tradizione del pop inglese ma per l’epoca assolutamente inusuale, splendida nel lato tecnico e nuova nell’esposizione. All’epoca Camisasca aveva avuto contatti sporadici col mondo discografico italiano e conduceva una vita del tutto normale (faceva il muratore) tuttavia quello che colpiva di Camisasca era la consapevolezza della musica come strumento liberatorio e creativo e le sue liriche che esaltavano il suo esistenzialismo in maniera talmente radicale e selvaggio da rappresentare un unicum nel panorama dei cantautori del periodo. Il suo primo LP La Finestra Dentro esce nel 1974 per la Bla Bla ed è un disco che si presenta in perfetta antitesi con gli archetipi dell’epoca, con un’utilizzazione dell’accompagnamento talmente insolita da ferire il concetto stesso di arrangiamento e una ricerca vocale ed estetica che scuoteva in modo geniale la formula del cantautore intimista, tutto preso a raccontare al mondo i suoi fatterelli. Ad accompagnare Camisasca c’è un cast stellare: Battiato (produttore e synth), Lino Capra Vaccina degli Aktuala (percussioni), Maurizio Petrò e Mario Ellepi (chitarre), Gianfranco D’Adda (batteria), Marco Ravasio (violoncello), Pino Massara (tastiere e produzione). Di suo Camisasca ci mette la sua incredibile voce allucinata, estrema eppure tecnicamente ineccepibile capace di passare da sequenze robotiche a urli psicotici, al sussurro: ai più può sembrare una versione italiana di Tim Buckley o del Peter Hammill più apocalittico o ricordare Alan Sorrenti e Claudio Rocchi ma la voce di Camisasca è qualcosa di diverso capace di tenere costantemente l’ascoltatore sotto uno stato di continua minaccia tramite la giustapposizione di climi totalmente discordi. Formalmente l’album è un lavoro di folk d’avanguardia (20 passi avanti rispetto a quelli dell’Incredible String Band), in realtà è un lavoro che si insinua nelle pieghe dell’inconscio attraverso ritmiche etniche, inserti elettronici, atmosfere acustiche e mistiche (John, una visionaria autobiografia), tappeti sonori baroccheggianti che portano in mondi tenebrosi (Scavando Col Badile) e descrivono le turbolenze di un viaggio interiore verso l’ascesi. Un discorso a parte meritano i testi surreali e claustrofobici che marchiano i tormenti autodistruttivi dell’autore (“i topi che corrono nelle vene” di Un Galantuomo”dissonante e ossessiva, le reminiscenze kafkiane di Metamorfosi in cui un uomo tramutato in insetto vola verso un’illusoria libertà, Ho Un Grande Vuoto Nella Testa più soave e pacata).

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

L’ascetico viaggio verso il divino si conclude nei due brani finali (la solenne e splendida Un Fiume Di Luce, il delirio mistico-psichedelico di Il Regno Dell’Eden) che suggellano l’aspetto terapeutico e simbolico di ogni singola nota e individuano come mai prima di allora una nuova maniera d’intendere il rapporto fisico con lo strumento. Purtroppo quello che il pubblico recepì fu solo l’aspetto appariscente del cantante estroso e paranoico che invece di parlare di amore e pace nel mondo parlava di topi, fantasmi e apparizioni notturne. Nel 1975 Camisasca va in tour partendo dai suoi brani e virando poi verso lunghe improvvisazioni creative; con lui armato di chitarra acustica ed elettrica 12 corde, c’è Lino Capra Vaccina, a volte Roberto Mazza (oboe) e Vincenzo Zitello (arpa). Partecipa anche al progetto collettivo Telaio Magnetico e pubblica due singoli La Musica Muore e Himalaya appartenenti al primo periodo. Poi quasi più nulla: Juri inizia a lavorare nelle scuole insegnando musica per bambini, fa meditazione trascendentale, studia la musica ripetitiva di John Riley passando dalla chitarra all’harmonium, studia l’uso della voce, partecipa alla rassegna milanese Il Terzo Orecchio e canta in Clic e Juke Box di Battiato e in Antico Adagio di Vaccina. Finiti gli anni Settanta prende i voti e diventa monaco benedettino. Uscirà dal chiostro nel 1987 per diventare monaco eremita alle pendici del’Etna. Tornerà alla musica solo nel 1988 con Te Deum una serie di canti gregoriani riarmonizzati ed accompagnati dalle tastiere anticipando la new age italiana. Album di culto ormai quasi introvabile, La Finestra Dentro rimane un episodio eccelso del rock veramente alternativo italiano, colpevole solo di esser stato prodotto in un paese alla periferia della discografia d’autore.

leggi anche…

Gli Ultimi Articoli

un articolo a caso

  • Magazine14 Dicembre 2012
    Il Lithio che arriva dal basso La Parola ai Musicisti Intervista a Walter Profeti bassista dei LithioLa Parola ai Musicisti: Intervista a Walter Profeti, bassista dei Lithio A cura di Veronica Croccia I Lithio, gruppo rock fiorentino nasce circa 10 anni fa, ma nel tempo si evolve e modifica, raggiungendo l’attuale formazione costituita dal fondatore Daniele Scardina (voce), Leonardo Sorrentino (chitarra), Giacomo Corti (batteria) e Walter Profeti (basso) solo nell’Aprile del 2011 un mese prima della stesura del loro primo album “Le Verità Nascoste” uscito nel Gennaio del 2012. Il gruppo suona un rock americano, ma i testi sono esclusivamente in italiano. Una sfida, ma anche un’innovazione nel panorama musicale italiano attuale. Nel loro tour di pubblicizzazione del nuovo disco girano l’Italia apparendo in numerosi club e piazze italiane; partecipano al concorso di Virgin Radio dove raggiungono i primi posti, divenendo così una delle band più promettenti del futuro della musica italiana. Di seguito l’intervista faccia a faccia con il bassista del gruppo, Walter Profeti. Quali sono le ragioni che vi hanno spinto, rischiando, a scrivere i vostri testi completamente in lingua italiana? Questa scelta è il risultato di due principali motivazioni. La prima è quella di seguire l’impronta dettata dalla precedente formazione del gruppo della quale attualmente rimane solamente il cantante. La seconda, e fondamentale, è di riuscire a portare qualcosa di originale e innovativo in Italia, dove il rock è principalmente in lingua inglese: una sfida con noi stessi e con la preconfezionata visuale della società moderna. Da quali gruppi del panorama rock internazionale traete ispirazione? Per quanto riguarda sonorità e impostazione musicale potrei assolutamente affermare: Three Days Grace, Breaking Benjamin, Nickelback. Chi scrive i testi delle vostre canzoni? Lo scorso disco è stato completamente scritto dal nostro cantante, essendo stato creato un solo mese dopo la formazione dell’attuale gruppo. Per quanto riguarda il prossimo ci saranno delle sorprese…emergerà sicuramente lo zampino di noi musicisti. Quale tra le canzoni dell’album “Le Verità Nascoste” pensi vi rappresenti meglio? Beh, sicuramente “Le Verità Nascoste”. E’ stato il primo pezzo ad esser scritto e certamente è stato il filo conduttore da seguire oltre che il trait d’union per l’intero gruppo. Ha gettato le basi del nostro futuro. Cosa volete comunicare con la vostra musica…qual’è il messaggio per i vostri ascoltatori? Il coraggio di rischiare! Oggi chiunque suoni lo fa quasi per compiacere gli altri. Ci si butta sul morbido, sul sicuro, su quello che certamente piace. Purtroppo il panorama musicale italiano attuale è questo. Ed è assolutamente sbagliato. Per i Lithio cosa significa rock? Il rock è menefreghismo, è rompere gli schemi, gli equilibri, è fare senza pensare ciò che ci piace. In fondo è essere se stessi! Prossimi eventi? A Marzo parteciperemo a un festival internazionale a Milano. Per adesso invece siamo dietro alla stesura del nuovo album, in cui stiamo cercando di migliorare le nostre sonorità ed ampliarle. Il disco sarà più variegato in fatto di stili e rispecchierà le singole peculiarità e caratteristiche di ognuno di noi. Una parola/aggettivo per descrivere i Lithio. Sorprendente! Il vostro sogno? Che il nostro pensiero circa la musica venga in futuro condiviso anche da altri. Un mondo musicale dove non regnino più invidia e “guerre”. Un ambiente dove si possa parlare di “aiuto” e collaborazione tra gruppi e cantanti di generi e stili simili, ma che sviluppano lealmente le loro peculiari caratteristiche. Beh…che dire: Auguri Litio! Sono con voi. Lithio – Il Giudizio Divino [...]

TUTTE LE RUBRICHE

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

news musicastrada