La nuova era dell’alternative rock: i Cromosauri

cromosauri_musicastrada_wez

La nuova era dell’alternative rock: i Cromosauri

A cura di Roberto Italiani

Parlando di band toscane siamo andati nel litorale toscano, dalle parti di Cecina più precisamente, a scovare questa band alternative rock che dopo gli esordi psichedelici strumentali con “Coromito” del 2015 si avvicina al grunge, quella che era la Seattle-sound degli anni 90 con “NOZ!” del 2016 e “Invalid Session” del 2018.

Ecco, “NOZ!” si presenta sul mercato con l’etichetta della Ghost Label Record a dicembre del 2016 dopo aver concluso le registrazioni iniziate un anno prima.

I Cromosauri sono un terzetto cecinese formato dal chitarrista e cantante Davide Salvadori, Michele Demi al basso e alla batteria Lorenzo Salvadori. Come accennato prendono ispirazione dai vari Pearl Jam, Nirvana, Smashing Pumpkins, Deftones e altri di quel periodo li e soprattutto in questo album si percepisce anche l’abilità di fondere questi influssi con sonorità personali.

Accordi ruvidi, una batteria essenziale e minimale, un basso che direi illuminante e una voce energica, si mixano a formare le nove tracce del disco. Basti sentire “Loud”, T-Rex”, “Chocolate” e “Friendly” che è anche il punto di partenza, il primo video ufficiale.

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

Questo disco lascia spazio anche a spunti melodici, anche se inizialmente può apparire crudo così farcito di sonorità anni 90 e ciò lo si apprende anche dalla ballad acustica “ When Somebody Loses Himself” per dirne una.

Un album diretto e semplice direi, di facile ascolto aiutato anche dalla qualità delle registrazioni, cosa che per un gruppo che vuole diventare grande può altro che aiutare. Ci riusciranno? I buoni propositi ci sono tutti.

leggi anche…

Gli Ultimi Articoli

un articolo a caso

  • Magazine1 Febbraio 2021
    Note calde dal gelo del Nord: i MotorpshycoNote calde dal gelo del Nord: i Motorpshyco 1 Feb 2021 RUBRICA storie di musici e musica  A cura di Giovanni Vannozzi Se nel nostro Paese la maggior parte dei ragazzini ascoltano canzoni attraverso le casse di un i-phone o con gli auricolari piantati nelle orecchie e un jack nano infilato nel telefonino, nel nord Europa i giovani, specialmente negli ultimi anni, ricercano sempre di più la qualità del suono finalizzata ad un piacere corposo, quasi tattile, facendo ripartire e impennare così le vendite di vinili e giradischi… un’inversione di marcia che fa ben sperare per il futuro. Sostieni WEZ - Dona con PayPal - Clicca qui Una voce “potente”, a proposito di cambi di rotta e controtendenze, è certo quella dei Motorpsycho, che dopo 25 anni di carriera in merito alla musica si esprimono così: “È energia, forza motrice di tutte le nostre azioni quotidiane, una potenza senza limiti. Siamo dipendenti da questa sostanza chimica che è la musica. Per noi fare musica è come espletare funzioni fisiologiche: è come mangiare, respirare e fare all’amore. È diventata per noi la cosa più naturale da fare. Ci siamo dedicati totalmente a quella cosa che consideriamo alla stregua di una divinità, e se ti metti a sua piena disposizione, l’ispirazione e la prolificità possono davvero essere senza limiti”.È stato il paradosso e il calore che emanano, a farmi innamorare del loro sound… dalle gelide temperature della Norvegia infatti non esiste niente in grado di scaldare di più della passione dei Motorpshyco.Bent Saether voce e basso (produce la maggior parte dei loro testi), Hans Magnus “Snah” Ryan alla chitarra e il batterista Hakon Gebhardt che ha lasciato il testimone a Kenneth Kapstad nel 2008 – sono i membri della band nei primi anni ’90, tempo in cui, oltreoceano, il fermento del post-core e del grunge insieme al clamore del death-metal stanno mettendo in subbuglio il modo di intendere e fare musica.E’ in questo periodo che la band di Trondheim inizia a far parlare di sé proponendo un suono sfaccettato fino all’inverosimile, la cui anima si leva in alto in nome della sperimentazione, dando corpo alla loro spiccata personalità… così, le abili digressioni strumentali dal timbro psichedelico si mescolano alle sonorità più graffianti del metal e del grunge, in un amalgama clamoroso che è un universo sonoro policromo, di cui fanno parte gli echi vivissimi degli Who, dei Sonich Youth, dei Pink Floyd e dei Dinosaur Jr, gruppi che hanno impattato in maniera importante nella grammatura del rock dei Motorpshyco.Vero è che i primi passi del trio denotano alcune incertezze, come la bassa qualità di missaggio ed un suono impregnato dalle forme di hardcore che hanno rappresentato gli ultimi dieci anni, ma altresì l’impronta magmatica e pesante del loro suono è un iceberg che emerge imponente e luminoso dalle acque profonde. Iscriviti alla newsletter di Musicastrada Nel quinquennio tra il ‘93 e il ’98, il trio estrapola dal cilindro un capolavoro dopo l’altro: sullo start con Demon Box, l’esuberante “scatola” che raccoglie trent’anni di rock tra metal, psichedelia, folk e ballate indie, a cui segue Timothy’s Monster, un doppio disco che esalta le migliorate qualità tecniche, ed i successivi Blissard, Angels and daemon at play, e Trust us, seconda prova su doppio disco per la band… facendo esplodere la voglia di “Motorpsycho” un po’ in tutto il mondo.Varcato il nuovo millennio sono tre le proposte pop: Let them eat cake (2000), Phanerothyme (2001) e It’s a love cult (2002), dove sperimentano un’armonia sulla nuova struttura melodica di canzoni minimali con articolati intrecci orchestrali per archi e fiati, disegnando così nuovi confini tra la musica popolare e il rock colto. Dal 2006 i Motorpshyco sganciano i freni e si gettano in studio a capofitto, con la voglia di creare dischi che possano omaggiare le passioni musicali che hanno caratterizzato la loro giovinezza; degne di nota sono Little lucid moments del 2008 e Heavy metal fruit del 2010, il loro album più nebuloso. Risale invece al 2016, al termine del tour Here be monster, la dipartita di Kenneth Kapstad dal gruppo, ed il 2 gennaio del 2017 l’annuncio sulla loro pagina ufficiale dell’entrata del batterista svedese Tomas Jarmir come terzo membro della band. Escono nel 2017 e nel 2019 gli album The tower, un po’ deludente, e The crucible, “amarcord” dei loro tempi migliori, con tre brani lunghi che da soli riassumono la storia del rock e che strizzano l’occhio, in maniera evidente, alle sonorità dei favolosi King Krimson.Il doppio album The all is One atteso nella primavera del 2020 e poi posticipato a causa della pandemia di COVID, viene pubblicato in agosto.Sfumo questa breve panoramica invitando i pochi a cui magari son sfuggiti ad avvicinarci l’orecchio, certo che il calore del Nord colpirà anche voi… buon ascolto. leggi anche… BRUCE SPRINGSTEEN, LA LUCE ALLA FINE DELL’OSCURITA’ – “Darkness on the edge of town”, 30 anni dopo (e qualcosa in più…)MagazineQuando la musica viaggia Io c’ero la prima parte dell’avventura del Musicastrada Festival 2013MagazineI GENI, IL BLUES E L’IRLANDAMagazineCome è bella l’indipendenza – Fuoriusciti: Radio Music Society, il nuovo album di Esperanza SpaldingMagazine Go back to WEZ!!! Gli Ultimi Articoli Francesco De Gregori, il Principe sopra le nuvole. Lucio il marinaio Il “cammino” inesorabile dei The Black Keys Garrincha intervista David Bromberg per WEZ Gli Avengers di Perugia! LIZI AND THE KIDS Go Hard Or Go Home Paolo Conte e Jeeves, incontro tra due dandy La muta dei Reese…questo il nuovo singolo: Mirror of Weakness Secondo singolo per i Death of a Legend: Beyond Thunderdome MALJE “Jewels” UNA MERAVIGLIOSA VOCE IN EQUILIBRIO FRA VARI STILI Tonno, normalità in controtendenza: intervista semiseria alla band emergente di Firenze Sostieni WEZ - Dona con PayPal - Clicca qui un articolo a caso Magazine23 Aprile 2012Il piano del prestigiatore – Io c’ero: il concerto di Raphael Gualazzi al Politeama di ViareggioIo c’ero – La Recensione del concerto di Raphael Gualazzi al Teatro Politeama di Viareggio  A cura di Veronica Croccia Altro indimenticabile viaggio nella musica “Live”. Raphael Gualazzi ti spiazza. Ti entra dentro, che tu lo voglia o meno, si insinua nella mente e nell’animo e ti trascina senza replica nel suo. Poltroncine comode ad accoglierti e un vorticoso silenzio nell’attimo in cui le luci si spengono e il sipario sale permettendo così al protagonista di cominciare a incantarti con le sue acrobazie. Tutto tace per poi esplodere, improvvisamente, come un botto. Vere e proprie magie le sue. E mentre le sue dita si muovono agili e leggiadre come una gazzella, rincorrendosi, quasi a giocare tra di loro, sei preda di atmosfere diverse che si susseguono senza pausa e spaziano da stati di massima tranquillità ad altri d’ansia più cupa e tenebrosa. Spazi vuoti e buchi neri vengono a bussare inaspettatamente al tuo inconscio e le regole della fisica compiono una curva ad U infrangendosi contro lo spazio e il tempo. Universi paralleli, si alternano senza darti un attimo di tregua, e saltelli così da un mondo al successivo senza un filo conduttore che ti guidi. I suoni ti scivolano addosso entrando poi timidamente nei pori più svariati della tua immaginazione: ballerine del can can, eserciti pronti all’attacco, cascate e ruscelli mai visti, piazze piene di luci e colori, notti buie e profonde.Uno stato di pura estasi ti abbraccia e ti invade completamente. Questa è la sua musica dove opere proprie e alcuni dei più grandi successi blues e jazz, di svariati artisti internazionali, sono “rivisitati” e “riadattati” pronti a meravigliarti e a stupirti sempre più intensamente. Adesso sveglia però. Il concerto è finito. E tu…beh si tu, non sei su un sofà anni ’20 durante un ballo con una sigaretta tra le labbra e la piuma del cappello che ti accarezza dolcemente la fronte. No,non sei là. Sei solo al Teatro Politeama di Viareggio. [...] TUTTE LE RUBRICHE TOP FIVE | LETTERATURA IN MUSICA | STORIE DI MUSICI E MUSICA | VIA COL VENTO | OK IL PEZZO E’ GIUSTO | LI AVETE SENTITI QUESTI | BAND A CONFRONTO | LE PEGGIORI MAI SENTITE | PENSIERI IN MUSICA | CONSIGLI PER L’ASCOLTO | SARANNO FAMOSI? | LA PAROLA AI MUSICISTI | IO C’ERO | IO CI SARO’ | IL DIARIO DI MUSICASTRADA | DISCOVERY | FUORIUSCITI | LIFE ON MARRS | MIGLIORARE SUL LUNGO PERIODO | LO SAPEVATE? | DIETRO LE QUINTE CON ascolta Un assaggio dalla selezione settimanale di Gianluca De Vito Franceschi Messages From The Resonator by Globular & Geoglyph Iscriviti alla newsletter di Musicastrada news musicastrada “Yemule Muladdiwen” fuori il secondo singolo dei Fanfara Station Musicastrada Gospel Festival 2021: il 20 e 21 dicembre il Gospel arriva nei borghi toscani Musicastrada al Womex dal 23 al 31 Ottobre 2021 a Porto Portogallo E’uscito “NAGRAN” nuovo singolo dei Fanfara Station Musicastrada Festival 2021 dal 14 Luglio all’8 Agosto in Toscana In arrivo WEZ la webzine di musicastrada musica pensieri parole in libertà! SuRealistas e Baro Drom Orkestar al “GO ON! Giotto Jazz Festival & Etnica” Fanfara Station Official Showcase Artist @ Womex Digital Edition 2020 Healthy Weight loss E’ uscito RITMO ANIMAL il terzo disco dei SuRealistas Musicastrada Festival nella prima rete italiana di Dolce Vita Festival che puoi sostenere con l’ART BONUS Fotografando la Musica 2019 | XVI anno | I vincitori e i partecipanti Musicastrada al Ment di Ljubljana dal 5 al 7 febbraio 2020 SuRealistas showcase ufficiale Pin Music Conference & Showcase a Skopje Musicastrada al Linecheck 19 > 24 Novembre 2019 Milano [...]

TUTTE LE RUBRICHE

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

news musicastrada