Mordersi il gomito OK, il pezzo è giusto! Bad Motherfucker di Biting Elbows

Mordersi il gomito OK, il pezzo è giusto! Bad Motherfucker di Biting Elbows

A cura di Ivo Almiramaro

La vodka evoca inevitabilmente la Russia. Neft, che significa petrolio, è una vodka commercializzata in un mini barile da petrolio. Gli utilizzi della vodka sono vari: può essere consumata liscia, ghiacciata, servita con agrumi o olive oppure nella preparazione di long drink, come il Sex on the beach, o di piatti, ad esempio le penne vodka.

Può, anche, essere usata per disinfettare le lesioni della cute provocate dal morso di un mastino, come si vede nel video del brano Bad Motherfucker, superbo inno alla vita, in epico stile rocker, della band russa Biting Elbows.

Ilya  Naishuller, oltre ad essere membro della band, è anche il regista del video che promuove il brano. Girato in pov (come, ad esempio, Smack My Bitch Up dei Prodigy o Luv Deluxe dei Cinnamon Chasers o come certi porno), è un virale ottenuto per centrifuga di reality, Doom, Tarantino, Jumper, 007, Io Vi Troverò, Die Hard, e altro, in grado di catalizzare l’attenzione del malcapitato fruitore.

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

Seguito di The Stampede, Bad Motherfucker video è un’esperienza sensoriale che va vissuta. Impossibile descriverne il godimento, impossibile proprio come mordersi il gomito.

leggi anche…

Gli Ultimi Articoli

un articolo a caso

  • Magazine23 Aprile 2012
    Il piano del prestigiatore – Io c’ero: il concerto di Raphael Gualazzi al Politeama di ViareggioIo c’ero – La Recensione del concerto di Raphael Gualazzi al Teatro Politeama di Viareggio  A cura di Veronica Croccia Altro indimenticabile viaggio nella musica “Live”. Raphael Gualazzi ti spiazza. Ti entra dentro, che tu lo voglia o meno, si insinua nella mente e nell’animo e ti trascina senza replica nel suo. Poltroncine comode ad accoglierti e un vorticoso silenzio nell’attimo in cui le luci si spengono e il sipario sale permettendo così al protagonista di cominciare a incantarti con le sue acrobazie. Tutto tace per poi esplodere, improvvisamente, come un botto. Vere e proprie magie le sue. E mentre le sue dita si muovono agili e leggiadre come una gazzella, rincorrendosi, quasi a giocare tra di loro, sei preda di atmosfere diverse che si susseguono senza pausa e spaziano da stati di massima tranquillità ad altri d’ansia più cupa e tenebrosa. Spazi vuoti e buchi neri vengono a bussare inaspettatamente al tuo inconscio e le regole della fisica compiono una curva ad U infrangendosi contro lo spazio e il tempo. Universi paralleli, si alternano senza darti un attimo di tregua, e saltelli così da un mondo al successivo senza un filo conduttore che ti guidi. I suoni ti scivolano addosso entrando poi timidamente nei pori più svariati della tua immaginazione: ballerine del can can, eserciti pronti all’attacco, cascate e ruscelli mai visti, piazze piene di luci e colori, notti buie e profonde.Uno stato di pura estasi ti abbraccia e ti invade completamente. Questa è la sua musica dove opere proprie e alcuni dei più grandi successi blues e jazz, di svariati artisti internazionali, sono “rivisitati” e “riadattati” pronti a meravigliarti e a stupirti sempre più intensamente. Adesso sveglia però. Il concerto è finito. E tu…beh si tu, non sei su un sofà anni ’20 durante un ballo con una sigaretta tra le labbra e la piuma del cappello che ti accarezza dolcemente la fronte. No,non sei là. Sei solo al Teatro Politeama di Viareggio. [...]

TUTTE LE RUBRICHE

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

news musicastrada