Musica a freddo? La risposta di 4 gruppi islandesi Sugarcubes Sigur Ros Gus Gus Mum

Musica a freddo? La risposta di 4 gruppi islandesi Sugarcubes Sigur Ros Gus Gus Mum

Se uno pensa al rock islandese, magari se lo immagina freddo e distante così come potrebbe suggerire l’idea che uno si fa del paese. Ma questo è vero solo in parte. L’Islanda non è certo un posto caldo (in estate le massime sono sui 20°) e il centro dell’isola è sotto i ghiacci ma il clima è mitizzato dalla corrente del Golfo. La nazione è poco popolata (solo 319.000 abitanti), ma è altamente democratizzata (l’Althing è il più antico Parlamento europeo) e ha leggi su libertà d’espressione e di stampa avanzatissime (si possono pubblicare notizie riservate di qualsiasi tipo e persino segreti di Stato).

sugarcubes_musicastradaQuesto ha probabilmente contribuito a formare una scena culturale e musicale frizzante, curiosa, forse eccentrica ma attenta alle influenze provenienti dal resto del mondo: peraltro tutti gli islandesi parlano l’inglese poiché le trasmissioni in lingua non sono doppiate. Il gruppo più famoso furono gli Sugarcubes, che in pratica diedero notorietà a Bjork ma in realtà erano stati formati da Thor Eldon (chitarra) e Einar Orn (voce, tromba) sulle ceneri di un gruppo goth-rock dedito a cantare i miti pagani dell’isola, i Kukl (stregoneria), in cui militavano Bjork e il batterista Siggi Baldursson. Naturalmente fin dall’inizio fu Bjork a rubare la scena con i suoi ruggiti r’n’b e i suoi gorgheggi (opposti al baritono da ubriaco di Orn) nei singoli Birthday e Coldsweat. L’attesissimo 1° LP Life’s Too Good (1988) coniò uno stranito stile di pop song (MotorcrashDeus) iniettato di funky (Delicious Demon) e simile al ballabile futurista dei B’52’s (Blue Eyed Pop); e lanciò la loro immagine di pazzi folletti. Il successivo LP Here Today, Tomorrow, Next Week (1989) evidenziò i limiti del loro pop spensierato e commerciale (ReginaDear Plastic). La loro storia finì con il mediocre Stick Around For Joy (1992; Chihuahua). Iniziò lì la carriera solista di Bjork, una versione anni ’90 di Madonna, con più voce ma meno capacità di provocazione. Il suo stretto rapporto col mainstream fece da volano ad altri gruppi islandesi.

sigur_ros_musicastradaI primi ad approfittarne furono i Sigur Ros del cantante Jon Birgirson (alias Jonsi). Dopo che il loro 1° singolo Fljugdu era entrato (grazie a Bjork) nella compilation commemorativa della nascita della repubblica islandese, il  loro album d’esordio Von (1997) fu un lavoro di morbida psichedelia (Sigur RosHun JordyMyrkur) dove a risaltare è la voce angelica di Jonsi (HalffasolSyndir Guds, la title-track). Il 2° LP  Agaetis Byrjun (1999) è un capolavoro di dream-pop capace di muoversi fra picchi di maestoso paesaggismo (Svefn-g-englarNy Batteri), delicati acquerelli impressionisti (StaralfurOlsen Olsen, la title-track) e imponenti visioni sinfoniche (FlugusfrelsarinVidal Vel Ti Loftarasa). Il successivo album dall’originale titolo di () (2002; e con semplici numeri per titoli) è una prosecuzione del precedente con gli stessi tempi rallentati e arrangiamenti eleganti e i medesimi gorgheggi (14), ma più autoindulgente nella seconda parte dove predominano lunghe jam di psichedelia formale alla Radiohead (58) e progressioni atmosferiche (67). L’album Takk (2005) è l’ultimo riuscito esempio (per ora) del loro dilatato e atmosferico cromatismo psichedelico (GlosoliMilanoGongSvo Hljott), quasi al confine della new-age (Se LestAndvari).

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

Se i Sigur Ros sono stati l’ala spirituale del rock islandese, i Gus Gus sono stati quella dance. Nel LP Polydistortion (1997), mixano di fatto la prassi del synth pop con la trance anni ’90: dai poliritmi di Gun, alla techno di Believe e Cold Breath ‘79, dal funky soul di Polyesterday e Barry alla trance jazz di Why.

mum_musicastradaLo stile dei Mum dei polistrumentisti Gunnar Orn Tynes, Orvar Smarason più le sorelle gemelle Gyda (violoncello) e Kristin Anna Valtyrsdottir (piano, fisarmonica) è invece figlio del nuovo millennio. Adotta infatti le tecniche glitch (quelle che simulano un CD difettoso) per costruire disturbi ritmici (o poliritmici) su paesaggi sonori folk o ambient vicini ai lavori di Aphex Twin e Autechre. Nel 1° album Yesterday Was Dramatic, Today Is Ok (2000), questa prassi è evidente in I’m 9 Today e The Ballad Of Broken Birdie Records (l’unica cantata)e Slow Bycicle. Altrimenti le composizioni si snodano attraverso fasi creative(Smell MemoryAsleep On A Train),  anarchiche (Awake On A Train) o minimali (The Ballad Of Broken Strings). Comunque le emozioni forti sono del tutto sterilizzate o assenti (There Is A Small Number Of Things). Nel LP successivo Finally We Are Non One, il gruppo si affida parzialmente a soluzioni più convenzionali (Green Grass Of TunnelWe Have A Map Of The PianoThe Land Between The Solar System) non a caso cantate o a textures fra ambient, techno e il neoclassico (K HalfI Can’t Feel My Hand Anymore, It’s Alright, Sleep Still). Negli album successivi i Mum si rifugiarono in un più anodino pop in linea con le caratteristiche generali del rock islandese.

leggi anche…

Gli Ultimi Articoli

un articolo a caso

  • Magazine7 Aprile 2012
    Tra radicchio e vombati – Io c’ero: il concerto dei Wombats a Roncade (Tv)Io c’ero – La Recensione del concerto dei Wombats al “New Age” di Roncade (TV) a cura del Vostro Affezionatissimo Altro nuovo spazio all’interno del Magazine di Musicastrada, chiamato Io c’ero.  Ascoltare dischi è sicuramente piacevole abitudine, ma l’esibizione “live” riveste, per ogni vero amante della musica, un fascino tutto particolare. Spostarsi per vedere un concerto significa vivere momenti irripetibili ed avere al contempo l’opportunità di conoscere l’artista nella sua dimensione da palco. Questo è solo il primo dei viaggi musicali che vi propone la nostra “vagabonda” redazione. Il Vostro Affezionatissimo, reduce da una settimana di stress e tutta una sequela di paranoie che avrebbero fatto la gioia di qualsiasi psicoladroteraupeuta da 150 € a seduta, ha pensato bene di autogratificarsi accettando di buon grado una proposta (gratuita) di una premurosa amica che prevedeva una robusta cura a base di ignoto concerto adrenalinico ubicato in una nordica località italica. Il Vostro Affezionatissimo, ottimamente accompagnato, si è così issato a bordo di una nera e transalpina autovettura dotata di regolari catene da neve d’ordinanza, per fiondarsi in un corroborante viaggio farcito di autogrill, allegria e di infinite strade a più corsie che tagliavano dritte come un fuso una bella fetta di pianura padana. Destinazione raggiunta. Roncade (Treviso). Inverno. Ora locale 17.30. Il Vostro Affezionatissimo, noto cultore di Conan Doyle, non ha avuto nessuna difficoltà a riconoscere una certa rassomiglianza tra questo paesaggio e la Londra di vittoriana memoria avvolta in vellutate spire di nebbia che riuscivano a nascondere, in questo caso ottimamente, una imbarazzante desolazione testimoniata da vie goniometriche completamente prive di bipedi ambulanti. La forma di vita locale indubbiamente più diffusa è infatti il radicchio. Immaginate intere distese di radicchio protette da una spessa coperta di nebbia che vi scrutano con una beota aria da vegetale come a dire “beh…che CAVOLO avete da guardare?”. Visto che il Vostro Affezionatissimo non è affatto permaloso, ha pensato bene che la vendetta è un piatto che va consumato freddo, ma anche caldo. Quindi dopo una succulenta scorpacciata di fumanti pappardelle radicchio e noci, i Vostri Affezionatissimi si sono diretti al New Age, locale dove di lì a poco si sarebbero esibiti tre vombati, o meglio, The Wombats, per ora placidamente alloggiati in un britannico pullman a due piani piazzato astutamente sul retro (meglio avere sempre un piano di fuga). Del New Age vi basti sapere tre cose, è un buon posto dove fare musica, se vi beccano senza la tessera ARCI fate la fine del radicchio (credo sia un modo di dire in voga in quei luoghi), ha una temperatura interna che sfiora i 451 Farenheit. La popolazione spettatrice del locale è notevolmente giovane e piena di giovane entusiasmo, tant’è che quando i tre vombati si sono materializzati sul palco è letteralmente scoppiato il delirio. Canzoni in serie, ritmo ossessivo, refrain incalzanti pronti a far breccia nel cervello musicalmente più refrattario del pianeta. L’energia sprigionata dalla prima all’ultima nota dal terzetto di Liverpool, accompagnata a dire il vero da mareggiate di sudore e temporali di sputacchi, ha qualcosa di encomiabile. Non a caso non hanno resistito all’intero concerto un microfono (prontamente cambiato da un vero vombato mascherato da tecnico da palco), due ragazzi storditi (tipo mal di mare) dall’ipnotico movimento molleggiato del chitarrista e, soprattutto, il riporto del cantante che alla fine del concerto si è trasformato in un ciuffo molliccio spalmato sulla fronte del leader dei Wombats, mostrando impietoso l’incipiente calvizie che il povero Matthew Murphy cercava di mimetizzare con la sua aria da artista maledetto. Tuttavia la botta di adrenalina che i tre vombati hanno sparato a tutte corde (vocali e strumentali) è arrivata come un’ondata gigantesca che, proprio in occasione del pezzo finale “Lets’Dance to Joy Division”, ha assunto i caratteri di uno tsunami travolgendo tutti i presenti. Tra questi anche i Vostri Affezionatissimi che, scampati a questa calamità energetica, possono tranquillamente testimoniare di aver assistito ad un piacevolissimo concerto di una band a cui vale la pena prestare orecchio (almeno uno). Il Vostro Affezionatissimo, SPA   [...]

TUTTE LE RUBRICHE

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

news musicastrada