radiohead_musicastrada

Rehab Migliorare sul lungo periodo Radiohead Blur e Talk Talk

Riabilitazione: quante volte è successo che una band sia diventata interessante o innovativa a carriera iniziata? Pochissime volte ovviamente. La normalità nel rock è un avvio esplosivo e promettente e poi un assestamento o un lento/rapido declino a seconda del valore di ogni singolo gruppo.

Perché? I motivi sono essenzialmente due. Il primo dipende dal mainstream musicale: se vuoi avere successo ti affidi alla tua label che sa bene quale musica “va” in quel momento, quale tipo di brani devi fare, dove devi inserirli nel disco ecc. La seconda è ovviamente fisiologica: all’inizio un gruppo ha più idee da sviluppare, poi il successo (se c’è stato) annebbia le idee. Ho riflettuto su quali gruppi NON entrino in questa regola, ho chiesto ai miei colleghi (grazie Max e Mile) e ho trovato (solo?) 3 esempi.

Un caso famoso sono i Radiohead di Thom Yorke (voce), gruppo fra i più chiacchierati degli anni ’90 che iniziarono come emuli del pop intimista degli Smiths, un’influenza evidente nel 1° LP Pablo Honey (1993; CreepStop WhisperingBlow-Out), sull’ EP My Iron Lung (1994;la title-track) e infine su The Bends (1995; Planet TelexHigh And DryFake Plastic Trees) un grande calderone di cliché pop. Ok Computer (1997) è l’album della svolta. Per quanto ondeggi fra tono epico (AirbagClimbing Up The Walls), tono sofferto (Exit MusicKarma Police) e tono magniloquente (Subterranean Homesick Alien), il gruppo è capace di sfoderare gemme folk rock come Let Me Down e No Surprises o la minisuite prog-rock Paranoid Android nel segno di una ricerca dell’effettismo sonoro per niente scontato; il successo commerciale premierà questa scelta e l’album diverrà una pietra miliare del decennio successivo. I Radiohead vanno oltre l’enunciato di canzone in Kid-A (2000). Qui infatti i brani sono strutture flessibili imparentati con l’elettronica (Idioteque), la muzak creativa (OptimisticIn Limbo), la sperimentazione eccentrica (The National AnthemMorning Bell). Tutti i suoni e le parti vocali sono remixate a suggerire un’ascesi verso il divino (Everything In Its Right Place, How To Disappear Completely). La missione è completata nel seguente LP Amnesiac (2001): far coesistere in strutture volatili e glaciali, trance melodica (Pyramid SongKnives Out) e alienazione sperimentale (Pull/Pulk Revolving DoorsPackt Like Sardines In A Crushed Tin Box).

Un caso più classico furono i Blur, i quali, benché siano con gli Oasis i maggiori esponenti del brit-pop, uno dei generi più vacui dell’intera storia del rock, costituiscono anzi uno degli esempi più sorprendenti di riabilitazione. Esordirono nel solco del Merseybeat con l’album Leisure (1991; She’s So HighThere’s No Other Way), sposarono uno stile a metà fra Kinks e David Bowie in Modern Life Is Rubbish (1993; For Tomorrow) e Parklife (1994; la title-track) con echi di Elvis Costello (End Of The Century) e Wire (Girls & Boys), pervenendo con The Great Escape (1995; Stereotypes, Charmless ManCountry House) a una versione ironica di brit-pop. Persa la sfida con gli Oasis, il gruppo si ricostruisce una carriera con l’omonimo LP del 1997, che è un omaggio all’alt-rock USA (BeetlebumYou’re So Great), al trip-hop (Essex Dogs) e nei momenti migliori un saggio sull’arrangiamento dissonante (MORMovin’onChinese BombsSong 2 la più punk del lotto). Grazie alla sfavillante produzione di William Orbit (stratificazione sonora + inserti rumoristici), i Blur possono anche dimostrare nel successivo 13 (1999) una buona conoscenza del rock sia nei suoi fondamentali (il gospel TenderMellow Song) sia nei linguaggi d’avanguardia (BugmanSwamp SongBattleCaramel). E al diavolo il brit-pop: suoni saturati e grazioso videoclip e persino il motivetto di Coffee And TV funziona meglio.

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

Lontano dai riflettori, i Blur sono diventati eccellenti musicistiIl caso più singolare furono i Talk Talk. Se i primi 2 LP The Party’s Over (1982; Talk Talk) e It’s My Life (1984; Dum Dum GirlSuch A Shame, la title-track) presentava un tipico (ma poco carismatico) gruppo di synth-pop, The Colour Of Spring (1998; Happiness Is Easy) indicava tuttavia una prima sterzata verso un esotismo atmosferico alla David Sylvian. Il sound cambia del tutto con Spirit Of Eden (1988): il gruppo abbraccia la filosofia compositiva del free-form (The RainbowWealth), tra arrangiamenti jazzati (Eden), tessiture raga (I Believe In You) e spunti di avanguardia elettronica (Desire) tutti immersi in una trance trascendente. La prassi prosegue in Laughing Stock (1991), LP immerso in atmosfere rallentate (Myrrhman), languide (New GrassAfter The Flood) e spettrali (TapheadRuneii)  vicine al Miles Davis di In A Silent Way. L’incomprensione dei fans decretò la fine della band ma è dai loro ultimi lavori che bisogna partire per comprendere la musica ambientale del XXI secolo.

leggi anche…

Gli Ultimi Articoli

un articolo a caso

  • Magazine19 Novembre 2012
    Mal d’Area Il Progressive Jazz Italiano Band a confronto Gli Area e gli altriBand a confronto: Gli Area e gli altri A cura di Alfredo Cristallo “C’è chi mette su un complesso, che è molto diverso dal concetto di gruppo, per fare una musica sciacquacoglioni, per fare della grana e roba del genere. C’è gente come noi che s’è proposta degli obiettivi precisi. Portare avanti a livello di massa un discorso innanzitutto musicale, perché siamo musicisti non oratori. E poi, siccome viviamo in una società inquinata e corrotta, scuotere la consapevolezza politica delle masse, in modo da poter poi affrontare tutti insieme, senza quelle fratture ideologiche che sono inutili e dannose per il movimento, la lotta e arrivare alla rivoluzione” (Paolo Tofani a Gong 1975). Alterità, passione rivoluzionaria, convinzione nei propri mezzi, sono i parametri della storia degli Area, “il” gruppo rock italiano degli anni ’70. Un progetto che fu insieme qualità poetica, impegno politico, sperimentazione, energia contagiosa, inventiva. Con gli Area nacque anche l’esperienza unica dell’etichetta alternativa Cramps di Gianni Sassi. Gli Area nascono dall’incontro fra Demetrio Stratos, forse il migliore cantante europeo dell’epoca, Patrick Djivas (basso), Victor Busnello (fiati) e Giulio Capiozzo (batteria) a cui si uniscono Paolo Tofani (chitarra) e Patrizio Fariselli  (tastiere). La musica è influenzata dal jazz-rock di Canterbury, dal folk orientale e dallo stile vocale di Stratos. Nel I° album Arbeit Macht Frei (1973) le strategie ritmico-melodiche sono definite fin dall’inizio: dai pezzi d’assalto Luglio, Agosto, Settembre  (nero) (con recitato arabo) e Consapevolezza, alla lanugine pop della title-track, all’avanguardia altalenante fra jazz-rock (240 KM Da Smirne), elettronica cageiana (Le Labbra Del Tempo) e le performance di Stratos (L’Abbattimento Dello Zeppelin). Soprattutto l’album serve a chiarire che Area è avanti anni luce e il suo orizzonte è il mondo. Poco dopo Djivas e Busnello abbandonano ed entra Ares Tavolazzi (basso). Il nuovo LP Caution Radiation Area (1974) aumenta l’impatto sperimentale (i ritmi deragliati e industrial di ZYG, il free jazz di Mirage, le scale mediorientali di Cometa Rossa) fino al lungo feedback sonoro di Lobotomia. Crac (1974) è l’album della svolta pop (L’Elefante Bianco) e dell’accessibilità (il funk La Mela Di Odessa) bilanciata dalla rivendicazione politica di Gioia E Rivoluzione. Are(a)zione (1975) è la celebrazione delle mille volte che il gruppo è stato vivo tra la gente, le migliaia di pugni alzati durante L’Internazionale, il racconto sonoro di un clima irripetibile. Con Maledetti (1976), concept-album fantapolitico il gruppo vira decisamente verso il jazz (scum) e l’improvvisazione (Caos), mentre 1978: Gli Dei Se Ne Vanno, Gli Arrabbiati Restano (1978; il primo senza Tofani) li trova splendidi e epidermici come sempre (Vodka Cola), con Stratos a rubare la scena (Return From Workuta). Fu l’ultimo album: la morte prematura di Stratos concluse il progetto. Cos’altro ha offerto il progressive-jazz italico ? Sicuramente i torinesi Arti E Mestieri, (anche loro Cramps), di Furio Chirico (batteria), Gigi Venegoni (chitarra) e Beppe Crovella (tastiere) che nel I° LP Tilt (1974) rivelano un’inedito stile di jazz sinfonico (il mellotron di Articolazioni) e i Dedalus, che vantano sull’omonimo I° LP (1973) un jazz-rock alla Soft Machine (Brilla) e debiti con l’avanguardia della Third Ear Band (Santiago): interessante l’uso del violoncello di Fiorenzo Bonansone. Andando a sud troviamo i partenopei Osanna di Lino Vairetti e Danilo Rustici (ambedue chitarra, tastiere, voce), famosi per la dimensione teatrale dei loro concerti (con tanto di trucco e abiti di scena). Il loro album migliore è Palepoli (1973) con le lunghe suite Oro Caldo e Animale Senza Respiro, fra le più entusiasmanti del pop italiano, con stesura a sviluppo concept, continue variazioni melodiche e strumentali ben collegate tra loro e musicisti protesi alla massima espressività corale. Una citazione anche per i Picchio Dal Pozzo, gruppo aperto basato sul duo Aldo De Scalzi (tastiere, voce) e  Paolo Griguolo (chitarra e voce) con un I° omonimo album (1976) con un sound inquietante (Merta, Seppia), ricco di effetti surreali (Napier) e diverso da altri LP dell’epoca. Gruppo meteora furono i Pholas Dactylus, titolari di un solo LP Concerto Delle Menti (1973), un solo brano omonimo fra avanguardia e teatro espressionista (le parti vocali erano declamate). Infine i Pierrot Lunaire, emuli dell’avanguardia degli Henry Cow in Gudrun (1977; la lunga title-track). Il jazz prog fu figlio della scena discografica italiana provinciale per aspirazione e poi per condanna. Area – Luglio, Agosto, Settembre Arti e Mestieri – Alba Mediterranea [...]

TUTTE LE RUBRICHE

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

news musicastrada