Woodstock_musicastrada_2

Rock Festival Storie di Musici e Musica gli anni dei Festival

Naturalmente il più noto è Woodstock. Ma Woodstock è famoso perché fu lì che la cultura hippie e la sua ideologia libertaria e antimilitarista autocelebrò sé stessa in 3 irripetibili giorni di “pace amore e musica”. In realtà Woodstock fu solo il punto d’arrivo e la summa di tutti quegli elementi che caratterizzarono all’inizio degli anni ’60 la nascita dei rock festival: come momenti d’aggregazione giovanile ovviamente, poi come opportunità per lanciare e commercializzare vecchi e nuovi stili musicali o gruppi e musicisti emergenti, infine come occasione per esaltare un sentimento comunitario che era o si considerava alternativo.

I primi festival accomunavano rivoluzione musicale, stile di vita giovanile e ribellismo: il più antico (e longevo) festival inglese di Reading attivo fin dal 1961, lanciò i Rolling Stones (1963), Yardbirds e Animals (1964), Who e Cream (1966) ed è arrivato fino al 2013 come vetrina alternativa e indie. A sua volta il più antico festival in USA, il Newport Folk festival attivo dal 1959 lanciò musicisti blues (Howlin’ Wolf), country (Johnny Cash) e soprattutto i cantautori folk-beat del Greenwich Movement, Joan Baez e Bob Dylan; fu a Newport 1963 che Dylan assurse a star rivoluzionaria e fu lì che nel 1965 avvenne il suo controverso passaggio alla musica elettrica.

Dal 1966 il festival rock divenne il palcoscenico della contestazione giovanile, della nascita della cultura hippie, della drug culture e della rivoluzione sessuale. Il Monterey Pop Festival del 1967 fu l’apice della Summer Of Love: un festival gratuito, con un foltissimo cartellone di musicisti e un pubblico di ben 200.000 persone. Fu il festival del debutto di Janis Joplin e Otis Redding (davanti a grandi platee), della prima volta in USA degli Who e dell’incendiario concerto di Jimi Hendrix (bruciò la chitarra dopo l’esecuzione di Wild Thing), dell’avvento dell’acid-rock con Grateful Dead e Jefferson Airplane come capifila.

Monterey fu la culla della cultura hippie, Woodstock ne fu l’apogeo: il tentativo di far coesistere pacificamente per 3 giorni una popolazione di 500.000 giovani per un maxiconcerto (32 gruppi diversi) gratuito. L’operazione riuscì; chi ha visto il celeberrimo film omonimo si rende conto come quella generazione credesse veramente che il rock poteva cambiare il mondo, così come gli show di Joe Cocker, Who, Ten Years After, Santana, Sly And The Family Stone, Country Joe McDonald, Arlo Guthrie, Joan Baez, CSNY, Jimi Hendrix fanno parte dell’iconografia dell’epoca.

Peraltro Woodstock fu uno spartiacque: fra la commercializzazione del fenomeno e gli ideali della Woodstock generation. Se quest’ultima andò incontro a una rapida disillusione ad Altamont (1969), un festival gratuito con i Rolling Stones come front-liner, che degenerò presto in continue risse e nella morte di un ragazzo di colore ucciso dagli Hell’s Angels addetti alla sicurezza, il festival (NON GRATIS) dell’isola di Wight (1970: con Doors, Free, ELP, Taste, Jethro Tull, Who, Hendrix) segnò la divaricazione fra esigenze del mainstream e libertarismo: da cui la guerriglia fra security e chi, rimasto fuori, distrusse la recinzione.

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

Negli anni Settanta il festival diventa più un’occasione per commercializzare determinati stili musicali che la celebrazione di un ideale: così Big Sur (1969; con CSNY, Joni Mitchell) celebrò la West Coast music, Stamping Ground (a Rotterdam 1970; con Pink Floyd, Soft Machine, Family, Caravan, East Of Eden) e Greasy Truckers Party furono i festival del progressive (Hawkwind nel 1972, Camel, Gong, Henry Cow nel 1974), Watkins Glen (1973; Allman Brothers, Grateful Dead, The Band) entrò nel Guinness coi suoi 600.000 spettatori. Fedele alla cultura hippie rimase lo Stonehenge Free Festival (al solstizio d’estate), mentre i festival italiani di Re Nudo (il più famoso è Parco Lambro 1976 con Area, PFM, Perigeo) sono esempi di festival politici.

Con l’avvento del punk e gli anni Ottanta, i festival di vennero grandi kermesse del mainstream (il I° festival del Punk 1976 con Sex Pistols, Clash, Damned, Buzzcocks, Siouxsie And The Banshees, Glastonbury Fayre Festival, Knebworth), a volte dedicati a precisi stili musicali (l’Ozzfestival e i festival scandinavi per l’hard-rock, Cropredy Folk, Roskilde per la scena indie, Pistoia Blues), a volte nobilitati da grandi cause (Live Aid nel 1985) o come appoggio a cause politiche (Red Wedge nel 1986). Negli anni Novanta venne recuperato in parte lo spirito libertario e i temi della contestazione di 30 anni prima (Woodstock 1994 e 1999, Lollapalooza che lanciò ilfenomeno grunge) anche se le componenti commerciali e “vetrina per gruppi” rimasero dominanti; felice eccezione fu Arezzo Wave.

Le ultime tendenze sono orientate verso festival che uniscono musica e altre forme d’arte spesso vicine all’avanguardia (Coachella in USA, All Tomorrow’s parties in Inghilterra) oppure musica e impegno ambientale (il Bestival nell’isola di Wight).

leggi anche…

Gli Ultimi Articoli

un articolo a caso

  • Magazine8 Gennaio 2014
    La Ragione Miete e non Semina Io c’ero gli Esterina al PNC di Capannori (Lu)La Ragione Miete e non Semina Io c’ero gli Esterina al PNC di Capannori (Lu) 8 Gen 2014 RUBRICA io c'ero laura gianni  A cura di Laura Gianni “È di notte, è di fero e di botte, è saliva di un giorno, è acqua di un bozzo, è cemento”. Sono, sono stati e saranno sempre così gli Esterina. Quest’anno posticipato di qualche giorno rispetto al tradizionale appuntamento natalizio, il classico concerto delle feste è arrivato con i Re Magi. Nella sera dell’Epifania, in uno dei setting storici per il gruppo: il Prodotto Non Conforme, Capannori city. Sostieni WEZ - Dona con PayPal - Clicca qui Dentro e fuori, il pubblico non ha fatto mancare il suo calore nella fredda nottata del 6 Gennaio. Nel calderone i grandi classici del primo album, “Diferoedibotte” (sì, tutto attaccato), i più recenti brani di “Come satura” e infine alcuni dei pezzi che andranno a confluire nel nuovo attesissimo cd, che forse arriverà con il primo sole primaverile. Sempre il solito “sound della bonifia”, come dicono loro, la solita musica che sa di terra, di bosco, di legna. Merita fare un po’ di cronistoria per chi ne fosse a digiuno. Gli Esterina sono Fabio Angeli (voce e chitarra), Giovanni Bianchini (batteria), Michele Vannucchi (basso), Lorenzo Del Grande (flauti, clarinetto basso, sax baritono, vibrafono, glockenspiel, diamonica, synth, campionamenti) e Massimiliano Grasso (piano rhodes, fisarmonica, armonium, elettronica, seconda voce). All’attivo hanno due album: “Diferoedibotte”, disco d’esordio del 2008, registrato presso Groove Factory di Bologna e prodotto da Guido Elmi. Iscriviti alla newsletter di Musicastrada Una seconda versione, questa volta acustica, in cd e dvd live, è uscita nel marzo 2010 con il titolo “Indecorose_esterina.senzacorente” (ancora tutto attaccato), per Arti Malandrine. Il secondo e per ora ultimo album, “Come satura”, è stato invece registrato presso l’azienda agricola biologica Nico di Orbicciano, con la magistrale produzione artistica di Fabio Magistrali. Il terzo lo aspettiamo. Un’attesa che si è fatta più impaziente dopo gli assaggi del concerto del 6 Gennaio. Ancora una volta gli Esterina hanno saputo divergere dai segni, come direbbero loro. leggi anche… La Top Five che fa primavera – Le Magnifiche 5 scelte dai nostri redattoriMagazine4 “Four”midabili inglesi al debutto italiano – Io c’ero: Bloc Party live @ Alcatraz (MI)MagazineIL CONCERTO ALLO STADIO, Bruce Springsteen – Pensieri del musicistaMagazineRock Festival Storie di Musici e Musica gli anni dei FestivalMagazine Go back to WEZ!!! Gli Ultimi Articoli Francesco De Gregori, il Principe sopra le nuvole. Lucio il marinaio Il “cammino” inesorabile dei The Black Keys Garrincha intervista David Bromberg per WEZ Gli Avengers di Perugia! LIZI AND THE KIDS Go Hard Or Go Home Paolo Conte e Jeeves, incontro tra due dandy La muta dei Reese…questo il nuovo singolo: Mirror of Weakness Secondo singolo per i Death of a Legend: Beyond Thunderdome MALJE “Jewels” UNA MERAVIGLIOSA VOCE IN EQUILIBRIO FRA VARI STILI Tonno, normalità in controtendenza: intervista semiseria alla band emergente di Firenze Sostieni WEZ - Dona con PayPal - Clicca qui un articolo a caso Magazine27 Aprile 2012Emozioni da palco – Io c’ero: il concerto di Dana Fuchs al Music Park di BientinaIo c’ero – La Recensione del concerto di Dana Fuchs al Music Park di Bientina (Pi) A cura di Gabriella Lucci Intorno alla mezzanotte di martedì 24 aprile, il Music Park di Bientina apre la gabbia ad una delle belve più feroci della musica rock. Mentre i suoi ammaestratori musicisti si avvicinano agli strumenti, l’animale da palcoscenico Dana Fuchs agguanta sicura la sua usuale preda: il microfono. Chi già la conosce freme, chi la vede per la prima volta si domanda se sarà tanto brava quanto bella. Il dubbio si scoglie già alle prime note quando, selvaggia come la fantasia della camicia che indossa, la tigre Fuchs libera i suoi pungenti ruggiti blues. La band non è certo meno affamata. Mentre Jon Diamond, suo storico chitarrista, divora appassionato la tastiera, il bassista Brett Bass mordicchia instancabilmente le note. Alla batteria, palesemente coinvolto dalla scorpacciata musicale, siede il giovane lucchese Piero Perelli. Un banchetto melodico di tutto rispetto da cui è davvero improbabile uscire insoddisfatti anche per merito della buona acustica dell’auditorium e del palco che tiene gli artisti a portata di fan. Sfilano in scaletta anche alcune delle tracce presenti nell’ultimo album “Love To Beg” , un lavoro in cui l’essenza più timida dei generi Suol e Blues si scopre in perfetta simbiosi con le sonorità più decise dell’Hard Rock. La fonte d’ispirazione della Fuchs è la vita. Il contatto con il pubblico lo trova lì, nel racconto faccia a faccia delle esperienze che l’hanno graffiata e da cui ha saputo trarre ispirazione. Ricorda trasognata il momento in cui scrisse il testo della sua prima canzone d’amore, Misery; un brano che guarda al di là delle incomprensioni e sostiene il reciproco volersi bene. Perché l’ingrediente base delle sue canzoni è il sentimento, l’amore, di tutti i tipi e in tutte le forme, quello che sa nascere dalla gioia e dal dolore, che si fonda su qualsiasi religione, che abbraccia tutti, indistintamente. Con aria vagamente evangelica racconta di sentire sempre affianco a sé le persone care che non ci sono più, così lancia Keep on Rollin’, brano dedicato al fratello perso di recente. Come da copione, non mancano le lusinghe al cibo e al vino italiano, insieme alla ridondante frase “I love Italia”. La necessità di convenevoli è assolutamente inutile: la paurosa presenza scenica di Dana non ha bisogno di contare su nessun tipo di frase di circostanza. Non resta ferma per più di 2 minuti e vive il rapporto con il palcoscenico attraverso ogni parte del corpo in maniera quasi carnale. Dal vivo la Fuchs è una scarica ad alta tensione, un concentrato di sensualità ed energia. L’emozione, la rabbia e l’impeto si traducono nell’espressione del volto, nell’insistenza con cui agita la criniera di riccioli biondi, nel modo in cui piega la schiena all’indietro e sembra rivolgersi al cielo. In poco più di un ora di pura elettricità non manca neppure la scarica metal firmata Beatles di Helter Skelter. Il pubblico ottiene il bis e si dilegua, visibilmente appagato, non appena la band scompare dietro le quinte. [...] TUTTE LE RUBRICHE TOP FIVE | LETTERATURA IN MUSICA | STORIE DI MUSICI E MUSICA | VIA COL VENTO | OK IL PEZZO E’ GIUSTO | LI AVETE SENTITI QUESTI | BAND A CONFRONTO | LE PEGGIORI MAI SENTITE | PENSIERI IN MUSICA | CONSIGLI PER L’ASCOLTO | SARANNO FAMOSI? | LA PAROLA AI MUSICISTI | IO C’ERO | IO CI SARO’ | IL DIARIO DI MUSICASTRADA | DISCOVERY | FUORIUSCITI | LIFE ON MARRS | MIGLIORARE SUL LUNGO PERIODO | LO SAPEVATE? | DIETRO LE QUINTE CON ascolta Un assaggio dalla selezione settimanale di Gianluca De Vito Franceschi Messages From The Resonator by Globular & Geoglyph Iscriviti alla newsletter di Musicastrada news musicastrada “Yemule Muladdiwen” fuori il secondo singolo dei Fanfara Station Musicastrada Gospel Festival 2021: il 20 e 21 dicembre il Gospel arriva nei borghi toscani Musicastrada al Womex dal 23 al 31 Ottobre 2021 a Porto Portogallo E’uscito “NAGRAN” nuovo singolo dei Fanfara Station Musicastrada Festival 2021 dal 14 Luglio all’8 Agosto in Toscana In arrivo WEZ la webzine di musicastrada musica pensieri parole in libertà! SuRealistas e Baro Drom Orkestar al “GO ON! Giotto Jazz Festival & Etnica” Fanfara Station Official Showcase Artist @ Womex Digital Edition 2020 Healthy Weight loss E’ uscito RITMO ANIMAL il terzo disco dei SuRealistas Musicastrada Festival nella prima rete italiana di Dolce Vita Festival che puoi sostenere con l’ART BONUS Fotografando la Musica 2019 | XVI anno | I vincitori e i partecipanti Musicastrada al Ment di Ljubljana dal 5 al 7 febbraio 2020 SuRealistas showcase ufficiale Pin Music Conference & Showcase a Skopje Musicastrada al Linecheck 19 > 24 Novembre 2019 Milano [...]

TUTTE LE RUBRICHE

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

news musicastrada