Rockstar a 60 anni - Storie di musici e musica: Vashti Bunyan

Rockstar a 60 anni – Storie di musici e musica: Vashti Bunyan

La storia di ogni tempo ha la sua musica e ogni musicista ha la sua storia. Un sillogismo imperfetto in cui però è compresa l’intera storia della musica. Una storia che, come tutti ben sappiamo, racchiude miti, leggende, curiosità, avventure, favole e follie. Con la rubrica “Storie di musici e musica” cercheremo di raccontarvi un po’ di queste fantastiche vicissitudini. La prima è quella di Vashti Bunyan e a narrarcela è Alfredo Cristallo.

Volete sapere come si diventa rockstar a 60 anni ? C’era una volta una ragazzina magra, dalle lunghissime gambe e dai capelli corvini. E’ nata a Londra nel 1945 e porta un cognome importante, Bunyan come il teologo inglese del ‘600. L’infanzia scorre tranquillamente finché nei primi anni ‘ 60 va a studiare pittura alla scuola d’arte Ruskin, a Oxford ma vi rimane poco. Viene espulsa: le piace suonare la chitarra (che ha imparato da piccola) e cantare non dipingere. Poi a 18 anni parte per gli USA e lì nell’ambiente frizzante e scapigliato del Greenwich Village conosce il giovanissimo Bob Dylan.

Affascinata da canzoni come “Blowin’ In The Wind”, decide di diventare cantante. Torna a Londra e conosce Andrew Loog Oldham, il manager dei Rolling Stones che le regalano “Some Things Just Stick In Your Mind” il suo primo singolo , un beat sognante che esce nel 1965.

Il periodo della Swinging London la trova cantante un po’ Marianne Faithfull, un po’ Francoise Hardy nei night club di Soho. Esce ancora qualche singolo, Vashti partecipa al documentario “Tonite Let’s All Make Love London” (1967) ma l’insuccesso commerciale la spinge a tagliare i ponti con la musica.

1968: è il periodo del flower-power  e Vashti con il suo compagno Robert vengono invitati da Donovan a raggiungerli nella sua comune hippy a Skye. Non hanno macchina e con le 100 sterline prestati da Donovan, comprano una carrozza e un cavallo e imboccano la A6 verso il nord e le Ebridi. Il viaggio dura un anno fra incontri con altri hippies alla ricerca della libertà, zingari che riconoscono Vashti come una di loro, lavori di giardinaggio e imbiancatura di case per pagarsi pane e companatico. Quando nell’estate del 1969 i due raggiungono Skye,  scoprono che Donovan non c’è più. Iniziano il viaggio di ritorno.

Al Lake District incontrano Joe Boyd . Il fresco produttore del primo LP di un certo Nick Drake ascolta le canzoni che Vashti ha scritto durante il viaggio e decide di pubblicarle. Con l’aiuto di Simon Nicol e Dave Swarbrick (dei Fairport Convention) e Robin Williamson (Incredible String Band) registra “Just Another Diamon Day”(1970).

L’album è un miracoloso miscuglio di quadretti intimisti, acquerelli bucolici, salmi intrisi di misticismo orientale cantato e suonato in punta di piedi con arrangiamenti minuscoli e sommessi: la fiabesca descrizione di un’utopia generazionale. Ma l’album vende solo poche copie e Vashti decide di abbandonare la musica.

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

Con Robert si stabilisce in un cottage in Irlanda. Lì conduce una ritirata vita di campagna, allevando cavalli, crescendo i tre figli, attendendo ai lavori agricoli. Non ha neanche una copia del suo album, solo una cassetta che i suoi figli ascoltano di nascosto. Passano quasi 40 anni, la coppia si separa e Vashti si trasferisce a Edimburgo (1997). Nella nuova casa ha un computer, si collega a Internet, digita il suo nome e scopre che quel suo album dimenticato è diventato un oggetto di culto, accanitamente cercato dagli appassionati (una copia originale viene venduta a 2000 dollari su E-Bay) e il suo nome è venerato dai musicisti della rinascente scena avant-folk.

Vashti impiega 3 anni a ritrovare i master originali del disco e lo ripubblica nel 2000: non si fa molte illusioni, invece il disco vende 50.000 copie. Viene invitata a suonare da  Devendra Banhart, poi dai Piano Magic in “Writers Without Home” (2002) e dagli Animal Collective in “Prospect Hummer” (2005). Nello stesso anno incide dopo 35 anni il suo nuovo LP “Lookafterring” con la collaborazione di Banhart, Joanna Newsom, Adam Pierce (dei Mice Parade); e nonostante il tempo passato sia evidenziato dalle orchestrazioni neoclassiche e dall’elettronica spruzzata qua e là, la sua voce dimessa e autunnale è ancora là a mormorare che l’antico sogno sorpassa i tempi e la fretta della modernità.

leggi anche…

Gli Ultimi Articoli

un articolo a caso

  • Magazine9 Novembre 2012
    Heimatklange. L’avanguardia Industriale – Band a Confronto: Kraftwerk, Neu!, La DusseldorfBand a Confronto: Kraftwerk, Neu!, La Dusseldorf A cura di Alfredo Cristallo L’importanza di Kraftwerk e Neu sul rock contemporaneo è incalcolabile. I primi hanno influenzato sia la musica industriale che la disco e il pop degli anni ’70 e ’80. L’apporto dei Neu (nati da una scissione dei Kraftwerk) si estende fino ad influenzare il post-rock di 25 anni dopo. I Kraftwerk cominciarono come uno dei gruppi di Connie Plank, registrando nel suo studio che si trovava nel mezzo di una vecchia raffineria a Dusseldorf fra i fischi, il fumo e il fuoco. Fu lì che concepirono la loro musica come soundtrack ambientale della civiltà industriale e come mellifluo frutto del rapporto incestuoso fra suono e società dei consumi. Dopo un effimero esordio come Organisation (1970; Tone Float), Ralph Hutter (tastiere) e Florian Schneider (flauto, violino, tastiere) formarono i Kraftwerk insieme a Klaus Dinger (percussioni) a cui si deve l’intuizione del battito robotizzato. Il 1° album memore della lezione di Riley, Subotnick e Stockhausen era un affresco della civiltà dell’industria pesante, ottenuto frammentando con la batteria o gli improvvisi effetti elettronici una singola frase strumentale (il flauto di Ruckzuck) o un’intera melodia (Stratovarious). L’allucinata Megahertz e la caotica Von Himmel Hoch sono suite di musica concreta. Michael Rother (chitarra)fu assunto per i concerti e quando Hutter se ne andò, i Kraftwerk rimasero in 3, incidendo un disco rimasto inedito. Poi Dinger e Rother se ne andarono per formare i Neu! e tornò Hutter. Il nuovo LP Kraftwerk 2 (1971) risente dell’esperienza con Dinger e Rother ed è il capolavoro del gruppo. La trance per piano e flauto di Kling Klang, il tenue impressionismo di Wellenklange e Harmonica, la lisergica Strom sono un programma di musica godibile , ottima per sale d’aspetto, mentre le astratte Atem e Spule 4 sono paesaggi deserti all’inizio (o alla fine) della civiltà delle macchine. Nel 3° LP Ralf Und Florian (1973), il duo addolcisce le sue armonie ricorrendo a soluzioni esotiche (Elektrisches Roulette) o minimaliste (Tongebirge, Tanzmusik) o inventando una nuova esuberante forma di danza per androidi (Kristallo, Heimatklange). Il gruppo divenne un trio con Wolfgang Flur (percussioni elettroniche) per Autobahn (1974; la title-track), un approdo a una più fruibile elettronica di successo fra melodie romantiche e rumori concreti. Aggiunto Karl Bartos (percussioni elettroniche), Radioaktivitaet (1975)aprì l’epoca d’oro, con i suoi brani cosmico-futuristi (la title-track, Radioland), cibernetici (Antenna, Ohm Sweet Ohm), o ridotti a impulsi sonori (Intermission). Trans-Europe Express (1977) aggiunse un tono di decadentismo mitteleuropeo ai loro ritmi meccanici (Europe Endless, la title-track, Showroom Dummies), mentre The Man Machine (1978; The Robots, The Model, la title track) coniò quel modernismo sintetico e robotizzato che rimarrà il segno distintivo del gruppo. I Neu! (Dinger con Rother anche al basso) estremizzarono i concetti di ripetitività del kosmische rock pervenendo a un sound per pattern di batteria costante (il motorik beat) e chitarra percussiva. Lo scopo era creare una musica ossessiva, vitrea e iperrealista che descrivesse la nevrosi e la degradazione della società post-industriale. In Neu! (1972), il manifesto della percussività pura è Hallogallo, mentre al contrario saggi di aritmia sono Sonderangebot (solo rumore), Weissensee (per batteria rallentata), In Gluck (droni di chitarra vaganti nel vuoto) e Lieber Hoenig  (canto afono su suoni casuali). Il vertice è il frastuono sonoro, angosciato e vorticoso di Negativland, sommario di rumori industriali e riff di chitarra distorta che suggella un capolavoro di sintesi fra tradizione tedesca (gotica e romantica) e evo tecnologico moderno. Il II° LP Neu! 2 (1973) incorpora le tastiere alla strumentazione: grazie ad esse il brano Fur Immer  incrocia minimalismo pianistico, batterismo incalzante e la paranoia dei Velvet Underground. Gli altri brani (alcuni dei quali registrati a diversa velocità) si muovono fra tribalismo (Lila Angel, Neuschnee, Neuschnee 78), atmosfere dark (Gedenkminute, Hallo Excentrico) e il solito percussivismo furibondo (Super e Super 78). In Neu ! 75 (1975), album “quasi” commerciale, il motorik beat è al servizio di atmosfere più levigate (Isi, Seeland)  per riapparire in Hero e sparire infine in Leb’ Wohl. Quando i Neu! si sciolsero, Dinger passò alla chitarra per formare i La Dusseldorf (col fratello Thomas e Hans Lampe alle percussioni), coi quali ottenne nell’omonimo I° LP una fusione solenne e accattivante di Kraftwerk e Neu! (1976; Dusseldorf, la title-track). Kraftwerk – Autobahn La Düsseldorf – La Düsseldorf [...]

TUTTE LE RUBRICHE

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

news musicastrada