pameladesbarres_wez_musicastrada

Vita da Groupie – Letteratura in Musica: “Sto con la band” di Pamela Des Barres

A cura di Laura Martini

Ci sono diversi buoni motivi perché un ragazzo che sappia suonare un qualsiasi strumento voglia diventare una grande rock star, escludendo naturalmente quella che potrebbe essere una sufficiente motivazione, ossia la musica: la fama, il successo, il sentirsi idolatrato dalla folla e…le donne.

Dopotutto non si dice “Sex, drougs & Rock’n’roll”? E quando si pensa a donne e rock star non possiamo certo ignorare quelle migliaia di ragazze e ragazzine che si sono sgolate, e si sgolano tutt’ora, sotto ai palchi, davanti agli alberghi, sotto le finestre dei loro idoli, in attesa di un cenno, uno sguardo, una qualsiasi cosa che le faccia sentire speciali.

Sulla scia del grande evento che ha portato migliaia di persone a Firenze ad accalcarsi in piazza della Repubblica per ballare e ammirare Iggy Pop & The Stoogies (di cui mi sono gustata una ironica e divertente recensione su questo blog) e la cui eroina universalmente riconosciuta è stata una ragazza che non ha disdegnato di lanciare tra il pubblico i suoi vestiti per riportarci agli anni dove, come minimo, si doveva ballare nudi sul palco, ho recuperato il libro “Sto con la band, confessioni di una groupie”, dove Pamela Des Barres, una delle groupie più famose degli anni ’60 e ’70, ci apre le pagine del suo diario segreto.

Settembre è passato da un pezzo, ma questo libro, nonostante i miei sforzi, riprese e scarsi moti di entusiasmo, non è andato oltre la metà., che su 409 pagine non è poco. Nella prefazione Pamela ce lo presenta come un “libro scandaloso e sexy”, mentre Dave Navarro, suo amico, lo cita come “libro di culto per chiunque sia appassionato di Rock, sesso, Storia e autoconsapevolezza”. Non metto in dubbio che Pamela Des Barres, membro del gruppo delle GTO’s, le “Girl Together Outrageously” (gruppo di ragazze che come lei non sapevano né cantare né suonare, ma erano assolutamente in grado di farsi notare tra mille), costellata da un numero assurdo di incontri con star e rock star, gente eccentrica e assolutamente non convenzionale, non metto in dubbio che la sua sia stata una vita fuori dal comune in un’epoca dove si voleva rompere col passato e dove tutto sembrava possibile e così eccitante, divertente, fuori di testa e magnifico, ma una cosa è farlo e raccontarlo, l’altra scriverlo.

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

Il libro non scorre granché, si leggono le sue peripezie raccontate con l’aria di una giovane ragazza un po’ svampita, che spesso e volentieri si trova nel posto giusto al momento giusto senza capirne il perché. E pure noi che leggiamo ce lo chiediamo. Certo è che Pamela è il simbolo di un’epoca dove ognuno pareva fare quello che più gli piaceva, quando più gli piaceva e con chi più gli piaceva, ma secondo me in questo libro manca quella luce, quel guizzo che questa donna ha e deve avere avuto, e che le è riconosciuto da tutti coloro che la ammirano. La narrazione certe volte si trascina un po’ troppo lentamente, o si perde in divagazioni che non si capisce dove vadano a parare. Non avrei mai pensato di annoiarmi a leggere le memorie di una groupie, e invece è successo proprio così.

L’autrice: Pamela Ann Miller conosciuta con il cognome dell’ex marito Des Barres (1948) è una scrittrice statunitense, nota soprattutto per essere stata una groupie negli anni Sessanta e Settanta. Oggi Pamela si è data alla scrittura. Fino a settembre 2010 ha tenuto la rubrica “Backstage Pass” per l’edizione italiana di Rolling Stone. Ha pubblicato quattro libri, Sto con la band (1987); Take another little piece of my heart, a groupie grows up (1993); Rock Bottom: Dark Moments in Music Babylon (2005) e Let’s spend the night together (2007).

Il Libro:

Titolo: Sto con la band, confessioni di una groupie

AutorePamela Des Barres

Casa Editrice: Castelvecchi Editore, 2006

Lunghezza: 358 pagine

Prezzo: 16,00 euro

leggi anche…

Gli Ultimi Articoli

un articolo a caso

TUTTE LE RUBRICHE

Iscriviti alla newsletter di Musicastrada

news musicastrada